Arturia – Ensoniq SQ 80 – Manuale in italiano

Storia di Ensoniq

La compagnia è stata fondata nel 1982 dagli ingegneri Robert “Bob” Yannes, Bruce Crockett, Charles Winterble, David Ziembicki e Al Charpentier ed era originariamente chiamato Peripheral Visions e questo era in realtà lo stesso team che ha progettato il Commodore 64. Avevano grandi idee sulla progettazione e la costruzione di un altro computer dopo il C64 e per sollevare un po ‘di capitale hanno accettato di progettare una tastiera per l’Atari 2600. Purtroppo, il progetto è stato cancellato. Commodore cercò quindi di citare in giudizio la squadra in modo da cambiare il nome della società in Ensoniq.

I primi 2 prodotti che hanno rilasciato, prima il campionatore Mirage nel 1985 poi il meraviglioso sintetizzatore ESQ-1 nel 1986 sono stati un successo immediato. Nel 1988 l’SQ-80 è stato rilasciato sulla base del successo dell’ESQ-1 con un set extra di 43 forme d’onda, un potente sequencer, floppy disk e la tastiera a pressione polipressure brevettata di Ensoniq. Aveva anche un pannello facile da usare e intuitivo con molte informazioni stipate sul piccolo display.

L’artista Adamski ha usato l’SQ-80 con grande effetto sul suo successo cantarele “Killer”.

Informazioni sull’SQ-80

L’SQ-80 era in realtà in anticipo sui tempi ed era una delle prime workstation. Aveva un suono molto grasso e ricco. Era un synth multitimbrico a 8 voci e 8 parti con un sequencer MIDI integrato a 20000 note. Ogni voce era composta da 3 DCO (basati sul chip DOC5503) in 3 DCA, un filtro passa-basso analogico basato su CEM 3379, un DCA stereo, 4 buste e 3 LFO. Ha anche una sincronizzazione difficile tra gli oscillatori.

La versione arturia dell’SQ-80

Il Mirage e l’ESQ-1 erano afflitti da alcuni problemi di affidabilità, ma sebbene l’SQ-80 fosse migliore, saresti comunque fortunato a trovarne uno funzionante ora. Trasportare sintetizzatori hardware in giro può essere scomodo e come dispositivo hardware può andare storto in un attimo. L’hardware può quindi presentare determinate limitazioni del flusso di lavoro, poiché i dispositivi possono svolgere solo una funzione alla volta.

In Arturia siamo orgogliosi di offrire il meglio di entrambi i mondi: la qualità e il carattere senza compromessi dell’hardware originale, consegnato in un comodo pacchetto software che si adatta a un flusso di lavoro moderno. SQ80V di Arturia è una fedele ricreazione dell’hardware originale, che cattura tutte le sue sfumature e il suo carattere sonoro con il massimo dettaglio. Oltre a questo, abbiamo ampliato il design originale con nuove funzionalità e capacità non presenti sull’unità originale, tra cui:

  • Implementazione MPE
  • Distorsione di fase e sintesi transwave
  • Forme d’onda nascoste
  • Modalità Unison
  • Arpeggiatore
  • Funzionalità di modulazione avanzate
  • 4 slot FX con 15 effetti di alta qualità
  • Fino a 16 voci di polifonia
  • Esecuzione di più istanze con impostazioni diverse
  • Automatizza i parametri audio dalla tua DAW
  • Richiamo patch illimitato

SQ80 V comeplug-in

SQ80 V è disponibile nei formati di plug-in VST2, VST3, Audio Unit (AU) e AAX per l’uso in tutti i principali software DAW come Ableton, Cubase, Logic, Pro Tools e così via. Quando si utilizza SQ80 V come plugin, tutte le impostazioni del dispositivo audio e MIDI sono gestite dal software musicale host. Si prega di fare riferimento alla documentazione del software musicale host se si hanno domande sul caricamento o l’utilizzo dei plugin.

Si noti che quando si carica SQ80 V come strumento plug-in all’interno del software host, l’interfaccia e le impostazioni funzionano allo stesso modo della modalità standalone, con alcune piccole differenze:

  • SQ80 V si sincronizzerà con il tempo/bpm host della tua DAW, quando il tempo è importante
  • Puoi automatizzare numerosi parametri utilizzando il sistema di automazione della tua DAW
  • È possibile utilizzare più di un’istanza di SQ80 V in un progetto DAW (in modalità standalone è

    possibile avviare solo un’istanza di SQ80 V)

  • Puoi eseguire l’uscita di SQ80 V attraverso qualsiasi effetto audio aggiuntivo disponibile per la

    tua DAW come ritardo, coro, filtri, ecc.

  • È possibile inviare le uscite audio diSQ80 V in modo più creativo all’interno della DAW

    utilizzando il sistema di routing audio della DAW.

    Configurazione iniziale per l’uso autonomo

    Se si desidera utilizzare SQ80 V in modalità standalone, è necessario configurare lo strumento e assicurarsi che i segnali MIDI e audio scorrano correttamente attraverso il software. In genere è necessario farlo solo una volta a meno che non si apportino modifiche importanti al computer. Il processo di installazione è lo stesso su computer Windows e macOS.

    Questa sezione si applica solo agli utenti che intendono utilizzare SQ80 V in modalità autonoma. Se hai intenzione di utilizzare SQ80 V solo come plugin all’interno di un software musicale host, puoi tranquillamente ignorare questa sezione (il tuo software musicale host gestisce queste cose).

    Impostazioni audio e MIDI

    In alto a sinistra di SQ80 V troverai un menu a discesa. Fare clic su di esso per visualizzare quanto segue: