Maschine 2.7 software – Lavorare con i Plug-in – Manuale utente

Condividi

I plug-in sono gli elementi costitutivi di tutti i suoni in MASCHINE. Possono essere utilizzati su tutti e tre i livelli del sistema di routing audio MASCHINE: in Suoni, in Gruppi e nel Master.

Questo capitolo include vari argomenti generali su Plug-in o specifici:

  • Una panoramica dei plug-in e come gestirli.
  • Una descrizione esauriente di un plug-in strumento interno essenziale, responsabile della riproduzione di tutto il contenuto del campione in MASCHINE: Il Sampler.
  • Informazioni specifiche su strumenti nativi e plug-in esterni.

5.1 Panoramica del plug-in

Questa sezione descrive i plug-in in generale: dove puoi trovarli, come puoi regolare le loro impostazioni e come puoi gestirli.

5.1.1 Nozioni di base sul plug-in

Nella vista Arrange, il contenuto e le impostazioni del suono / gruppo focalizzato o del Master vengono visualizzati nell’area di controllo (al centro della finestra del software):

Suoni, gruppi e master possono contenere ciascuno un numero qualsiasi di plug-in. Questi sono impilati nella lista dei plug-in, a sinistra dell’area di controllo.

► Per mostrare l’Elenco plug-in, fai clic sull’icona del plug-in all’estrema sinistra dell’area di controllo:

Nell’elenco dei plug-in, l’ordine di elaborazione è sempre dall’alto verso il basso.

Differenti tipi di Plug-in

I Plug-in sono di tipo differente:

Plug-ins Strumento Plug-ins Effetto
Internal Plug-ins Audio, Sampler, Drumsynth, Bass Synth Effetti interni MASCHINE
Native Instruments Plug-ins Strumenti VST/AU dei prodotti Native Instruments Effetti VST/AU plug-ins dei prodotti Native Instruments
External Plug-ins Strumenti VST/AU plug-ins di terze parti Effetti VST/AU plug-ins di terze parti
  • Instrument: questi plug-in generano suoni. I plug-in strumento possono essere caricati solo nel primo slot Plug-in di Sounds. Sono disponibili i seguenti plug-in:
  • Audio: incluso in MASCHINE, il plug-in audio consente ai loop audio di riprodurre a tempo con il tempo del progetto. L’aggiunta dell’audio con il tag Loops dal browser allo slot Sound caricherà automaticamente il plug-in audio nel primo slot plug-in del suono.
  • Sampler: incluso in MASCHINE, il plug-in Sampler consente al suono selezionato di riprodurre i campioni. Aggiungendo un campione allo slot Sound, il Sampler verrà automaticamente caricato nel primo slot Plug-in del Sound.
  • Drumsynths: incluso in MASCHINE, questi plug-in sono mini-synth specializzati nella generazione di suoni di batteria.
  • Bass Synth: incluso in MASCHINE, questo plug-in è un sintetizzatore monofonico specifico nella generazione di suoni di basso.
  • Strumenti nativi: puoi utilizzare tutti gli strumenti KOMPLETE di Native Instruments installati sul computer come plug-in VST / AU (ad es., MASSIVE, incluso in MA-SCHINE). I prodotti di Native Instruments sono strettamente integrati in MASCHINE.
  • External: è anche possibile utilizzare i plug-in VST / AU da qualsiasi produttore di terze parti.
  • Effects: questi plug-in modificano l’audio proveniente dallo slot plug-in precedente (o dall’audio in ingresso se l’effetto è caricato nel primo slot plug-in di un suono). I plug-in di effetti possono essere caricati in qualsiasi slot plug-in. Sono disponibili i seguenti plug-in:
  • Effetti interni: questi sono i plug-in di effetti inclusi in MASCHINE.
  • Strumenti nativi: puoi utilizzare tutti gli effetti KOMPLETE di Native Instruments installati sul tuo computer come plug-in VST / AU. I prodotti di Native Instruments sono strettamente integrati in MASCHINE.
  • Esterno: è inoltre possibile utilizzare i plug-in di effetti VST / AU di qualsiasi produttore di terze parti.

Cosa caricare e dove

Il tipo di plug-in che puoi caricare dipende dal livello selezionato (Sound, Group o Master) e dallo slot:

  • I plug-in di effetti (sia interni che esterni) possono essere caricati in tutti gli slot plug-in a tutti i livelli (audio, gruppo, master).
  • I plug-in dello strumento (sia interni che esterni) possono essere caricati solo nel primo slot Plug-in di Sounds.

5.1.1.1 Primo slot di suoni plug-in: Scelta del ruolo del suono

Il plug-in caricato nel primo slot Plug-in di un suono determinerà il ruolo generale di questo suono:

  • Se il primo slot Plug-in contiene un plug-in Instrument (Sampler, Drumsynth, Native Instrument o External Instrument, vedi sopra), il Sound genererà il proprio audio.
  • Se il primo slot Plug-in contiene un plug-in effetti (interno, strumenti nativi o esterno), il suono sarà disponibile come punto di buss per altri segnali (da MASCHINE, e possibilmente dal mondo esterno). Ciò consente in particolare di creare effetti di invio o di applicare effetti a un audio esterno.

5.1.2 Caricamento, rimozione e sostituzione di un plug-in

La procedura per caricare un plug-in con le sue impostazioni predefinite è comune a tutti i livelli (audio, gruppo e master) e a tutti i tipi di plug-in (interni, strumenti nativi e esterni, oltre a strumenti ed effetti):

  • Impostare lo stato attivo su Suono, Gruppo o Master su cui si desidera caricare il plug-in. Nell’immagine seguente, eseguiamo clic su uno slot audio vuoto nella Sound List dell’Editor pattern e facciamo clic sulla scheda SOUND nell’area Control qui sopra.

L’area di controllo mostrerà ora il contenuto (proprietà del canale o plug-in) del suono che abbiamo appena selezionato.

  • All’estrema sinistra dell’area di controllo, fai clic sull’icona della piccola spina per visualizzare i plug-in.

Questo visualizza l’elenco plug-in sulla sinistra dell’area di controllo:

L’elenco dei plug-in è ancora vuoto, perché abbiamo selezionato uno slot audio vuoto. L’unico elemento visibile nell’elenco è un’icona “+” in alto a sinistra.

  • Fare clic sullo slot con l’icona “+” nella parte superiore dell’elenco dei plug-in.

Si apre il menu Plug-in in cui è possibile selezionare il plug-in desiderato per il caricamento (vedere sotto per una descrizione dettagliata delle voci contenute nel menu Plug-in).

→ Alla selezione, il plug-in selezionato si trova nella parte superiore dell’elenco dei plug-in, nel primo slot plug-in del suono (nel nostro esempio). Inoltre, alcuni strumenti nativi e plug-in esterni si apriranno automaticamente in una finestra mobile.

Noterai che il segno “+” è passato allo slot successivo. Facendolo clic ti permetterebbe di caricare un plug-in nel prossimo slot plug-in di quel suono, e così via.

Rimozione e sostituzione di un plug-in

Una volta caricato un plug-in in uno slot plug-in, lo slot mostra il nome del plug-in caricato, preceduto da un’icona che descrive il tipo di plug-in (strumento o effetto) e seguito da un freccia rivolta verso il basso:…

Alcuni plug-in caricati.

Questa freccia rivolta verso il basso ti consente di aprire il menu Plug-in per gli slot che già ospitano un plug-in.

► Nell’elenco dei plug-in, fare clic sulla freccia rivolta verso il basso a destra del nome di un plug-in per aprire il menu Plug-in per quello slot. Puoi anche fare clic con il pulsante destro del mouse ([Ctrl] -click su macOS) sul nome del plug-in nello slot.

Questo ti permetterà in particolare di rimuovere il plug-in caricato dallo slot:

► Per rimuovere il plug-in attualmente caricato in uno slot, aprire il relativo menu Plug-in e selezionare None nella parte superiore del menu.

→ Il plug-in viene scaricato dallo slot. Tutti i plug-in seguenti vengono spostati verso l’alto per riempire lo spazio vuoto.

Inoltre, il menu Plug-in ti consente anche di sostituire il plug-in caricato con un altro:

► Per sostituire il plug-in attualmente caricato in uno slot, apri il relativo menu Plug-in e seleziona un altro plug-in nel menu.

→ Il plug-in originale viene sostituito con quello appena selezionato. Il resto dell’elenco dei plug-in rimane invariato.

Contenuto del menu Plug-in

Le voci nel menu Plug-in differiscono in base allo slot Plug-in dal quale si sta chiamando il menu:

  • Il primo slot Plug-in di Sound accetta sia Instrument che Effect Plug-in. Le voci disponibili nel loro menu Plug-in sono elencate nella seguente tabella.
  • Tutti gli altri slot plug-in a livello di audio, gruppo e master accettano solo plug-in di effetti. Pertanto, i relativi menu e sottomenu di plug-in forniscono le stesse voci, ad eccezione di tutte le voci relative ai plug-in degli strumenti.

I menu dei plug-in possono avere le seguenti voci, dall’alto verso il basso:

Oggetto menu Plug-in Descrizione
Plug-ins
Presets submenu (solo quando un plug-in Native Instruments o Esterno è caricato) Elenca tutti i preset VST / AU resi disponibili a MASCHINE dal plug-in VST / AU. Ciò consente di utilizzare i preset preferiti del plug-in VST / AU direttamente in MASCHINE.
None Seleziona None per rimuovere il Plug-in al momento caricato
Native Instruments

submenu

Elenca gli strumenti di Native Instruments disponibili (solo il primo slot Plug-in di Sound) ed Effetti. Per i prodotti che funzionano sia come strumento che come effetto, il nome del plug-in degli effetti è seguito dalla menzione FX. Se necessario, ogni voce è seguita dal tipo di plug-in tra parentesi: (VST) o (AU).
External submenu Elenca i plug-in esterni disponibili, vale a dire lo strumento VST / AU disponibile (solo il primo slot plug-in di Sounds) ed i plug-in di effetti di produttori di terze parti. Ogni voce è seguita dal tipo di plug-in tra parentesi: (VST) o (AU).
Sampler (primo slot Plug-in del Sounds) The Sampler è il plug-in strumento interno utilizzato per riprodurre tutti i campioni in MASCHINE – questo plug-in essenziale verrà descritto in dettaglio nella sezione
Drumsynth submenu (primo slot Plug-in del Sounds) Elenca i Drumsynth disponibili: Kick, Snare, Hi-hat, Tom e Percussion. Inclusi con MASCHINE, questi plug-in di strumenti sono sintetizzatori specializzati nella generazione di suoni di batteria.
All MASCHINE Internal Effects Plug-in di effetti inclusi con MASCHINE. Le loro voci sono suddivise in varie categorie (dinamica, filtraggio, modulazione, riverbero, ecc.).
Comandi Edit
Cut Rimuove il plug-in dallo suo slot corrente e memorizza il plug-in e tutte le sue impostazioni negli appunti per un uso successivo.
Copy Copia il plug-in e tutte le sue impostazioni negli appunti per un uso successivo.
Paste Carica nello slot corrente il plug-in e tutte le sue impostazioni che sono state tagliate o copiate da un altro slot. Ciò consente in particolare di utilizzare un plug-in in diverse posizioni (suoni, gruppi, master) con le stesse impostazioni.
Preset Management
Open… Ti permette di aprire un preset Plug-in che hai precedentemente salvato.
Save As… Consente di salvare le impostazioni del plug-in correnti come preset per un uso successivo. Questo preset apparirà nel Browser.
Save As Default… (solo quando viene caricato uno strumento nativo o un plug-in esterno) Consente di salvare le impostazioni del plug-in correnti come preimpostazione predefinita. Questa preimpostazione predefinita verrà richiamata ogni volta che si carica il plug-in dal menu Plug-in.

5.1.2.1 Selezione slot plug-in del browser

Seleziona uno slot per plug-in direttamente dal browser usando il tasto SHIFT. Il tasto SHIFT fornisce accesso temporaneo alla modalità Plug-in che consente di selezionare uno slot plug-in dall’elenco dei plug-in. Ciò può essere ottenuto dal browser quando si carica il contenuto in tutti e tre i livelli del sistema di routing audio di MASCHINE: in Suoni, in Gruppi e nel master.

Per cambiare il focus dello slot del plug-in dal browser:

  • Premere il pulsante BROWSE.
  • Premere SHIFT, quindi premere il pulsante 5 o 6 per selezionare uno slot per plug-in.

→ Lo slot di messa a fuoco può essere selezionato dal browser.

5.1.2.2 Caricamento, rimozione e sostituzione di un plug-in sul controller

Sul controller, effettuare le seguenti operazioni:

  • In alto a sinistra del controller, premere il pulsante PLUG-IN per accedere alla modalità di controllo e visualizzare gli slot plug-in del suono, del gruppo o del master selezionato.
  • Selezionare Sound, Group o Master in cui si trova il plug-in.
  • Spostare l’encoder 4-D verso destra per navigare fino al plug-in desiderato.

Il nome del plug-in selezionato appare sul display di destra nel campo tra le frecce sotto i pulsanti 5 e 6. Se non ci sono plug-in nel canale, verrà visualizzato EMPTY.

→ Ora si è pronti per caricare, inserire, rimuovere o sostituire un plug-in come descritto nei seguenti paragrafi.

Caricamento di un plug-in

Per caricare un plug-in nello slot del plug-in selezionato, effettuare le seguenti operazioni:

  • Premere SHIFT + BROWSER (plug-in) per aprire il plug-in Browser e sfogliare i plug-in disponibili.
  • Sul display di sinistra, ruotare il potenziometro 1 per selezionare TYPE da Instrument o Effect. Il display destro mostra l’elenco di strumenti disponibili o plug-in di effetti.
  • Se hai selezionato il primo slot Plug-in di un suono, ruota il potenziometro 2 per selezionare il dispositivo VENDOR da INTERNAL o il nome del venditore, ad es. Native Instruments.

Se hai selezionato un altro slot Plug-in, il campo TYPE non è disponibile – solo i plug-in Effect saranno elencati nel display destro.

  • Ruota l’encoder 4-D o il potenziometro 8 per scorrere i plug-in corrispondenti alla tua selezione TYPE (e possibilmente VENDOR).
  • Una volta trovato il plug-in che si desidera utilizzare, premere l’encoder 4-D o il tasto 8 (LOAD) per caricarlo. Puoi anche utilizzare i pulsanti 5 e 6 per scorrere l’elenco e caricare direttamente ciascun effetto.

Inserimento di un plug-in

Per inserire un plug-in direttamente dopo lo slot del plug-in selezionato, effettuare le seguenti operazioni:

  • Premere SHIFT + Pulsante 3 (INSERT).

Questo apre automaticamente il browser sul controller e blocca il tipo di file su EFFECT (i pulsanti 1 e 2, normalmente utilizzati nel browser per selezionare il tipo di file desiderato, sono qui disabilitati).

  • Scegli e carica il preset del plug-in desiderata tramite il consueto flusso di lavoro nel Browser

→ Alla fine, quando si preme l’encoder 4-D o il pulsante 8 (LOAD), il controller torna automaticamente alla modalità di controllo e il nuovo plug-in viene caricato nello slot del plug-in successivo. Tutti i plug-in seguenti vengono spostati di uno slot verso il basso per creare spazio per il nuovo plug-in.

Rimozione di un plug-in

Per rimuovere un plug-in dallo slot, effettuare le seguenti operazioni:

► Premere SHIFT + Tasto 8 (RIMUOVI).

→ Il plug-in viene scaricato dallo slot. Tutti i plug-in seguenti vengono spostati verso l’alto per riempire lo spazio vuoto.

Sostituzione di un plug-in

► Per sostituire un plug-in, basta selezionare il suo slot e caricare un nuovo plug-in come descritto sopra.

5.1.3 Regolazione dei parametri del plug-in

La procedura per regolare i parametri del plug-in è comune a tutti i tipi di plug-in e a tutti i set di proprietà dei canali.

5.1.4 Bypassare gli slot dei plug-in

Puoi bypassare (o “silenziare”) qualsiasi slot Plug-in. Quando uno slot per plug-in viene bypassato, il plug-in in esso contenuto viene temporaneamente rimosso dal flusso del segnale e non elabora l’audio che passa attraverso lo slot. Invece, l’audio in entrata viene inviato direttamente allo slot del plug-in successivo per l’ulteriore elaborazione (o all’uscita del canale se si ignora l’ultimo slot del plug-in).

Bypassare gli slot dei plug-in può essere molto utile in varie situazioni, ad esempio:

  • Bypassare e riattivare un effetto durante una performance dal vivo.
  • Confronto del suono con e senza effetto.
  • Risoluzione dei problemi relativi a catene e rsend di effetti complessi (“Da dove viene questa strana coda di riverbero?”).

Per ignorare un plug-in, procedi come segue:

  • Se si desidera ignorare un plug-in del master, fare clic sulla scheda MASTER nell’angolo in alto a sinistra dell’area di controllo.
  • Se si desidera ignorare un plug-in di un gruppo, fare clic sul gruppo desiderato a sinistra dell’Arranger e fare clic sulla scheda GRUPPO nell’angolo in alto a sinistra dell’area di controllo.
  • Se si desidera ignorare un plug-in di un suono, fare clic sul gruppo del gruppo principale nell’arranger, fare clic sullo slot audio desiderato a sinistra dell’Editor pattern e fare clic sulla scheda SOUND in alto a sinistra. angolo dell’area di controllo.
  • Nell’elenco dei plug-in, fai clic sull’icona a sinistra del nome del plug-in (tasti per un plug-in dello strumento, FX per un plug-in di effetti) per ignorare questo plug-in.

Il plug-in non influenza più il suono. L’icona è disattivata per indicare che questo slot è ora escluso.

Utilizzare lo stesso metodo per riattivare il plug-in:

► Per attivare nuovamente lo slot bypassato, fare clic sulla sua icona grigia.

Bypassare uno slot plug-in sul controller

  • Premere il pulsante PLUG-IN per accedere alla modalità di controllo e visualizzare gli slot plug-in.
  • Se si desidera ignorare un plug-in del master, premere il pulsante 1 per selezionare la scheda MASTER.
  • Se si desidera ignorare un plug-in di un gruppo, premere il pulsante 2 per selezionare la scheda GRUPPO e premere il pulsante Gruppo A-H corrispondente al gruppo desiderato. Se necessario, premere prima MAIUSC + il pulsante Gruppo desiderato A-H per passare alla banca del gruppo che contiene quel gruppo.
  • Se vuoi bypassare un plug-in di un suono, premi il pulsante 3 per selezionare la scheda SOUND, seleziona il suo gruppo genitore come descritto nel passaggio precedente e premi SELECT + il pad di quel suono (o semplicemente premi il suo pad se pad sono in modalità Group).
  • Premere il pulsante 5/6 per selezionare lo slot plug-in desiderato.

Il nome del plug-in selezionato viene visualizzato nel campo tra le frecce sinistra e destra sotto i pulsanti 5 e 6. Se nel canale non sono presenti plug-in, verrà visualizzato EMPTY.

  • Premere SHIFT + Pulsante 7 (BYPASS) sopra il display di destra per bypassare lo slot del plug-in selezionato.

Il plug-in è bypassato e non influenza più il suono. Nel display a sinistra l’icona e il nome del plug-in sono visualizzati in grigio. Quando si tiene premuto SHIFT, il pulsante 7 è completamente illuminato e l’etichetta BYPASS sul display di destra viene evidenziata per indicare che questo slot per i plug-in è ora escluso:

Usa lo stesso metodo per riattivare l’effetto:

► Per riattivare l’effetto, premere SHIFT + il pulsante 7 acceso (BYPASS).

5.1.5 Utilizzo della catena laterale

Alcuni plug-in forniscono una concatenazione laterale. Ciò consente di controllare la loro influenza sull’audio tramite un altro segnale audio inviato all’ingresso Side-Chain.

5.1.6 Spostamento dei plug-in

MASCHINE consente di spostare i plug-in nell’elenco di plug-in e tra suoni e gruppi.

Spostamento dei plug-in all’interno dell’elenco dei plug-in

► Per spostare un plug-in nell’elenco dei plug-in, fare clic sul suo nome e trascinare il mouse verticalmente. Mentre si tiene premuto il pulsante del mouse, viene visualizzata una linea di inserimento nel punto dell’elenco dei plug-in in cui il plug-in si ferma se rilasciato. Trascina il mouse fino a quando la linea di inserimento si trova nella posizione desiderata, quindi rilascia il pulsante del mouse per rilasciare il plug-in in questa nuova posizione.

→ Il plug-in prende la sua nuova posizione tra i plug-in esistenti mantenendo le stesse identiche impostazioni. Tutti gli altri plug-in che si trovano tra la vecchia e la nuova posizione vengono spostati di uno slot verso l’alto / il basso per colmare il vuoto.

Spostare i plug-in su suoni e gruppi

Spostare i plug-in non è possibile solo all’interno dello stesso suono, ma anche attraverso i suoni, i gruppi, i livelli (ad esempio, da un suono a un gruppo) o attraverso i suoni in diversi gruppi!

Per spostare un plug-in su un altro suono, gruppo o master, procedi come segue:

  • Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso dello slot contenente il plug-in che si desidera spostare.
  • Nel menu Plug-in che si apre, selezionare Taglia.
  • Selezionare Sound, Group o Master in cui si desidera spostare il plug-in
  • Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso dello slot di destinazione (lo slot in cui si desidera spostare il plug-in).
  • Nel menu Plug-in che si apre, seleziona Incolla.

→ Il plug-in con tutti i suoi parametri è stato spostato dalla posizione originale alla posizione di destinazione.

Duplicare i plug-in su suoni e gruppi

Invece di selezionare Taglia nel menu Plug-in dello slot originale (vedere sopra), selezionare Copia per duplicare il plug-in in un altro slot!

Spostamento di un plug-in sul controller

Sul controller in modalità di controllo, è possibile spostare un plug-in in un altro slot dello stesso suono, gruppo o master. Per fare questo:

  • Selezionare il plug-in desiderato.
  • Premere SHIFT + Pulsante 5/6 per spostare questo plug-in allo slot precedente / successivo, rispettivamente.

→ Il plug-in prende la sua nuova posizione tra i plug-in esistenti mantenendo le stesse identiche impostazioni. Tutti gli altri plug-in che si trovano tra la vecchia e la nuova posizione vengono spostati di uno slot verso l’alto / il basso per colmare il vuoto.

5.1.7 Alternativa: la striscia plug-in

Puoi anche manipolare i tuoi plug-in tramite la striscia plug-in nella vista Mix di MASCHINE.

5.1.8 Salvataggio e richiamo di preset plug-in

Tutte le impostazioni e le assegnazioni di un plug-in possono essere salvate come preset di plug-in. Una volta salvati, è possibile accedere alle impostazioni predefinite dei plug-in dal browser, sia nel software che dal controller. Questo è un modo molto rapido e conveniente per richiamare i plug-in con i loro parametri già impostati su valori specifici. Inoltre, è possibile assegnare un preset plug-in come predefinito in modo che il plug-in si apra con quel preset automaticamente caricato.

Il formato di file MASCHINE per i plug-in di Native Instruments consente di salvare un preset nel formato nativo del plug-in e di scambiare liberamente i file tra lo strumento plug-in in modalità stand-alone, MASCHINE e KOMPLETE KONTROL.

5.1.9 Salvataggio di preset plug-in

Il salvataggio dei preset di plug-in può essere effettuato solo nel software tramite il menu Plug-in. Per accedere al menu Plug-in, fare clic sulla freccia a discesa sul lato destro dello slot del plug-in nell’elenco dei plug-in:

Aprire il menu Plug-in.

I comandi per il salvataggio dei preset plug-in si trovano nella parte inferiore del menu Plug-in.

I comandi per salvare e richiamare i preset Plug-in nel menu Plug-in.

Plug-in Oggetto Menu Descrizione
Save Salva le modifiche al preset attualmente caricato.
Save As… Salva le impostazioni del plug-in corrente come una nuova preset sul disco rigido.
Save As Default… Salva le impostazioni e le assegnazioni correnti come preimpostazione predefinita per il plug-in. Questo preset predefinito verrà caricato con questo plug-in la prossima volta che verrà aperto.
Remove Default Preset Rimuove la preimpostazione di default per il plug-in corrente. Questa voce di menu appare solo dopo che un preset è stato salvato usando l’oggetto di menu Save As Default…

5.1.9.1 Richiamo di preset di plug-in

Tutti i preset di plug-in salvati utilizzando il menu Plug-in sono disponibili nel browser, sia nel software che dal controller. Puoi trovare ogni preset di plug-in automaticamente posizionato nella corrispondente categoria “Instrument” o “Effect” nel selettore Tipo di file del pannello LIRARY del browser. Inoltre, i preset utente sono disponibili quando si seleziona il Contenuto utente nel selettore Contenuto del riquadro LIBRARY del Browser.

Inoltre, la libreria MASCHINE fornisce già una raccolta di preset plug-in per i plug-in interni MASCHINE. Inoltre, qualsiasi prodotto Native Instruments installato sul computer avrà una propria libreria di fabbrica già importata nel browser MASCHINE in modo che sia possibile sfogliare e caricare i suoi preset direttamente da MASCHINE, pronti per il caricamento.

Puoi anche caricare un preset Plug-in dal menu Plug-in selezionando il comando Apri …, quindi navigando nel tuo file system e selezionando il file preselezionato desiderato (estensione “.mxinst” per i predefiniti del plug-in Instrument, “.mxfx” per preset di plug-in Effect, o “.mfxp” per preset di MASCHINE 1.x Module).

5.1.9.2 Rimozione di un predefinito plug-in predefinito

Per ogni plug-in è possibile impostare un preset di default che viene caricato automaticamente ogni volta che si apre il plug-in. Se il preset plug-in predefinito non è più necessario, utilizzare il menu Plug-in per rimuovere il preset predefinito salvato.

Per rimuovere il preset predefinito di un plug-in usando il menu Plug-in:

  • Fare clic sul suono contenente il plug-in.
  • Fare clic sul menu a discesa Plug-in.

  • Fai clic su Remove Default Preset nel menu per rimuovere il preset predefinito.

→ Il preset plug-in predefinito viene rimosso e il plug-in verrà caricato con le sue impostazioni inizializzate al prossimo avvio.

È inoltre possibile utilizzare Plug-in Manager nel pannello delle preferenze per ottenere una panoramica dei predefiniti di plug-in predefiniti e, se necessario, rimuoverli.

5.2 Il plug-in Sampler

Il plug-in Sampler ti consente di riprodurre qualsiasi campione in MASCHINE, inclusi tutti i gruppi, i suoni e i campioni della libreria di fabbrica. Il Sampler è dotato di un ampio set di parametri che offrono vari modi per modellare ulteriormente ciascuno dei Suoni individualmente. È possibile sintonizzare, modificare le dinamiche di base e applicare effetti e diverse opzioni di modulazione.

Questa sezione descrive i parametri specifici trovati nel Sampler.

I parametri Sampler sono organizzati in 6 pagine:

  • Pagina 1: Impostazioni Voice / Engine
  • Pagina 2: Pitch / Envelope
  • Pagina 3: FX / Filtro
  • Pagina 4: Modulazione
  • Pagina 5: LFO
  • Pagina 6: Velocity / Modwheel

Queste pagine dei parametri possono essere selezionate per la visualizzazione / modifica tramite il modo consueto. Per esempio:

► Per visualizzare una particolare pagina Parametro nel software, fare clic sulla relativa etichetta nella parte superiore dell’area di controllo.

5.2.1 Page 1: Voice Settings/Engine

Parametri del campionatore – pagina 1 di 6: VOICE SETTINGS e ENGINE sul controller.

Parametri del campionatore – pagina 1 di 6: VOICE SETTINGS e ENGINE nel software

Parametro Descrizione
VOICE SETTINGS
Polyphony Qui puoi definire un limite vocale per il suono, ovvero il numero massimo di voci (note) che il Sampler può riprodurre contemporaneamente. Una volta raggiunta questa polifonia, l’attivazione di qualsiasi nota aggiuntiva fermerà la nota “più vecchia” ancora in riproduzione (ad esempio, la nota che è stata attivata per prima). I valori disponibili sono 1, 2, 4, 8 (predefinito), 16, 32 e 64. Puoi anche impostarlo su Legato – in questo caso la polifonia è impostata su 1 e il campionatore esegue una transizione continua tra note consecutive .
Glide Se Legato è selezionato per il parametro Polyphony, questo consente di regolare la durata della transizione tra note consecutive.
Pitchbend Qui puoi regolare il modo in cui il suono reagisce sui messaggi MIDI Pitchbend in ingresso da un controller MIDI esterno o dall’applicazione host.
ENGINE
Mode Questo ti permette di scegliere tra diversi modelli per il motore di campionamento. Oltre all’impostazione standard predefinita, le altre opzioni MP60 e S1200 emulano il suono di due leggendari Sampler che vengono spesso utilizzati in Hip-Hop e generi musicali simili. Quest’ultimo è disponibile in vari gusti con diversi filtri: S1200 (senza filtraggio), S1200 L (per basso, ovvero filtraggio passa-basso), S1200 LM (per filtraggio Low-Mid, cioè low-mid-pass), S1200 HM (per Filtro High-Mid, cioè medio-alto-passaggio), e S1200 High (per High, cioè filtraggio passa-alto).

6.2.2 page 2: Pitch/Envelope

Parametri del campionatore – pagina 2 di 6: PITCH / GATE e AMPLITUDE ENVELOPE nel software.

Parametri del campionatore – pagina 2 di 6: PITCH / GATE e AMPLITUDE ENVELOPE sul controller.

Parametro Descrizione
PITCH / GATE
Tune Definisce l’altezza di base del tuo campione: gira il potenziometro verso destra per un tono più alto e verso sinistra per un tono più basso.
Start Determina il punto iniziale del campione. Questo parametro può anche essere modulato dal controllo Velocity.
Reverse Se Reverse è attivato, il Sample verrà riprodotto all’indietro.
Type Seleziona da tre diversi tipi di buste di ampiezza. Vedi sotto per maggiori informazioni.

Parametri del campionatore – pagina 2 di 6: PITCH / GATE e AMPLITUDE ENVELOPE nel software.

AMPLITUDINE ENVELOPE

La sezione AMPLITUDE ENVELOPE ti consente di personalizzare il tuo campione in termini di volume nel tempo.

Selettore Type

Il selettore di tipo ti consente di scegliere tra tre diversi tipi di inviluppi di ampiezza. A seconda del tipo selezionato, i parametri disponibili nella sezione AMPLITUDE ENVELOPE saranno diversi (vedere la tabella seguente):

  • One-shot: si tratta del tipico comportamento della drum machine vintage: il campione viene riprodotto interamente dall’inizio alla fine senza busta. Se è selezionato One-shot, la sezione AMPLITUDE ENVE-LOPE non visualizza alcun parametro.

  • AHD: la modalità AHD disabilita i controlli Sustain e Release dell’inviluppo ADSR (vedere sotto) e li sostituisce con il parametro Hold. La modalità AHD è l’ideale per il comportamento di “suona e dimentica”, in base al quale si desidera avere il trigger del suono per una certa quantità di tempo, indipendentemente da quanto a lungo si tiene premuto il pad.
  • ADSR: in genere, l’inviluppo ADSR viene utilizzato per campioni prolungati e prolungati che richiedono un controllo dinamico complesso.

Parametro Descrizione
AMPLITUDE ENVELOPE
Attack (AHD e ADSR) Attack determina quanto velocemente il Sound raggiunge il pieno volume dopo essere stato innescato.
Hold (solo AHD) Hold determina per quanto tempo l’inviluppo rimarrà al suo livello massimo .
Decay (AHD e ADSR) Decay determina quanto velocemente l’inviluppo scende al livello di Sustain nella modalità ADSR; in modalità AHD, è usato per regolare la velocità di decrescita del suono. Questo parametro può anche essere modulato dal controllo Velocity.
Sustain (solo ADSR) Sustain determina il livello costante che viene mantenuto dopo il Decay fino alla fine della nota. Questo può anche essere controllato da un controller MIDI esterno o da una tastiera utilizzando il MIDI Control Change 64.
Release (solo ADSR) Release determina quanto tempo impiega il suono a dissolversi dopo che la nota è terminata .

5.2.3 Page 3: FX/Filter

Parametri del campionatore – pagina 3 di 6: FX e FILTER sul controller.

Parametri del campionatore – pagina 3 di 6: FX e FILTER nel software.

FX

Questa è una piccola selezione di effetti di base, da non confondersi con la collezione di plug-in di effetti trattati in dettaglio nel capitolo degli effetti.

Parametro Descrizione
FX
Comp Compressore di base che consente di dare più densità al suono.
Drive Definisce la quantità di saturazione applicata un Sound.
SR SR sta per “sample rate”: puoi usarlo per abbassare la frequenza di campionamento originale in modo da rendere il suono più lo-fi.
Bits Consente di ridurre la profondità bit originale del suono, producendo un effetto lo-fi più ruvido e digitale.

FILTER

Il selettore Filtro nella sezione FILTER consente di accedere a una serie di filtri diversi. Utilizzando le frecce o facendo clic sul tipo attualmente visualizzato, è possibile scegliere tra diverse impostazioni del tipo di filtro: Off, LP2, BP2, HP2 ed EQ. Ogni tipo risulta in diversi parametri a destra di esso:

odi Filtro Descrizione
Off No filter.
LP2 LP2 è un filtro passa-basso con parametri di Cutoff e Resonance. Cutoff può essere modulato da Velocity, Modulation Envelope, LFO o MIDI Modulation Wheel.
BP2 BP2 è un filtro passa-banda con parametron Cutoff . Cutoff può essere modulato da Velocity, Modulation Envelope, LFO o MIDI Modulation Wheel.
HP2 HP2 è un filtro passa-alto con parametri Cutoff e parametri Resonance. Cutoff può essere modulato da Velocity, Modulation Envelope, LFO o MIDI Modulation Wheel.
EQ EQ è un equalizzatore con parametri Frequency, Bandwidth e Gain.

5.2.4 Page 4: Modulation

Parametri del campionatore – pagina 4 di 6: MODULATION ENVELOPE e DESTINATION sul controller

Parametri del campionatore – pagina 4 di 6: MODULATION ENVELOPE e DESTINATION nel software

MODULATION ENVELOPE

La sezione MODULATION ENVELOPE offre un inviluppo aggiuntivo che consente ulteriori modifiche (o “modulazione”) di specifici parametri Sampler in base al modo in cui si suona sui pad. I suoi parametri sono abbinati a quelli della sezione AMPLITUDE ENVELOPE a pagina 2, in modo da avere un inviluppo ADSR (Attack, Decay, Sustain, Release) o inviluppo AHD (Attack, Hold, Decay) per modulare i parametri. Se si sceglie la modalità One-shot, solo l’inviluppo AHD (nella foto) sarà disponibile per la modulazione.

Controlli Envelope Descrizione
Attack Il tempo necessario affinché l’inviluppo raggiunga al suo livello massimo.
Hold Per quanto tempo l’inviluppo rimarrà al suo livello massimo.
Decay Con Decay si regola la velocità con cui l’inviluppo scende al livello di sustain in modalità ADSR; in modalità AHD viene utilizzato per regolare la velocità di dissolvenza dell’inviluppo.
Sustain Il livello dell’inviluppo che verrà mantenuto finché viene suonata la nota.
Release Il tempo per il livello di sustain per tornare a zero dopo che la nota è terminata.

DESTINATION

Qui è dove si definiscono i target di modulazione per l’inviluppo di modulazione, cioè i parametri che si desidera controllare con questa busta. Le manopole regolano la quantità di modulazione per i seguenti target:

Parametro Modulation Destination
Pitch Il parametron Tune della sezione PITCH / GATE nella pagina Pitch / Envelope (page 2).
Cutoff Parametro Cutoff della sezione FILTER ( con i tipi di filtro LP2, HP2, BP2 soltanto) nella pagina FX / Filter (page 3).
Drive Parametro Drive della sezione FX nella pagina FX / Filter (page 3).
Pan Parametro Pan sulla pagina Audio delle proprietà di Uscita dei Suoni.

5.2.5 Page 5: LFO

Parametri del campionatore – pagina 5 di 6: LFO e DESTINATION sul controller.

Parametri del campionatore – pagina 5 di 6: LFO e DESTINATION nel software.

LFO

L’LFO (oscillatore a bassa frequenza) è un’altra fonte di modulazione basata su forme d’onda con forme diverse.

Contorlli LFO Descrizione
Type Qui puoi scegliere la forma della forma d’onda dell’LFO. Le forme disponibili sono Sine, Tri (Triangolo), Rettangolo (Rettangolo), Saw e Casuale.
Speed Controlla la velocità dell’LFO misurata in hertz (Hz). Se scegli di sincronizzare la velocità attivando la sincronizzazione, mostrerà i valori delle note invece di hertz.
Phase Definisce la fase iniziale della forma d’onda dell’LFO, da -0.50 a 0.50.
Sync Il selettore Sync viene utilizzato per sincronizzare l’LFO con il tempo del tuo progetto. Se è selezionato Free, la frequenza dell’LFO è indipendente dal tempo del progetto. Se Retrig o Lock è abilitato, i valori del parametro Speed cambieranno in valori di nota che vanno da 16/1 (= un ciclo di modulazione in 16 battute) a 1/32 (un ciclo in 1 / 32nd note) ed essere sincronizzati con il Tempo del progetto. Mentre Retrig riavvia l’LFO ad ogni nuova nota (ogni nota ha un’altra fase LFO), Lock mantiene la fase LFO sincronizzata alla posizione della song per tutte le note.

DESTINATION

Qui è dove si definiscono i target di modulazione per l’LFO, cioè i parametri che si desidera controllare da questo LFO. Le manopole regolano la quantità di modulazione per i seguenti target:

Parametro Modulation Destination
Pitch Il parametron Tune della sezione PITCH / GATE sulla pagina Pitch / Envelope (page 2).
Cutoff Il parametron Cutoff della sezione FILTER ( con tipi di filtro LP2, HP2, solo BP2 ) sulla pagina FX / Filter (page 3).
Drive Parametro Drive della sezione FX sulla pagina FX / Filter (page 3).
Pan Pan parameter on the Audio page of the Sound’s Output properties (see ↑11.1.2, Configuring the Main Output of Sounds and Groups for more information).

5.2.6 Page 6: Velocity/Modwheel

Parametri del campionatore – pagina 6 di 6: DESTINAZIONE VELOCITÀ e DESTINAZIONE MODWHEEL sul controller.

Parametri del campionatore – pagina 6 di 6: DESTINAZIONE VELOCITÀ e DESTINAZIONE MODWHEEL nel software.

VELOCITY DESTINATION

Questa sezione ti consente di utilizzare la velocity di input per modulare vari parametri.

Parametro Modulation Destination
Start Parametro Start della sezione PITCH / GATE sulla pagina Pitch / Envelope (page 2). I valori positivi spostano la posizione di inizio del Campione più avanti nel tempo quando suoni più forte, i valori negativi lo spostano più vicino all’inizio del campione mentre suoni più forte.

Suggerimento: un tipico esempio di questo parametro è l’impostazione in modo tale che il transitorio di attacco iniziale di un rullante sia udibile solo a valori di velocity elevata. Ciò lo rende più “scattante” quando suoni duro e “attenuato” o disattivato quando suoni delicatamente.

Decay Parametro Decay della sezione AMPLITUDE ENVELOPE nella pagina Pitch / Envelope (page 2).
Cutoff Parametro Cutoff della sezione FILTER (con tipi filtro LP2, HP2, BP2) sulla pagina FX / Filter (page 3).
Volume Questo ti permette di modulare il volume, che è quello per cui normalmente viene usata la velocity.

MODWHEEL DESTINATION

Qui puoi determinare in che modo i dati MIDI in arrivo inviati dalla rotella di modulazione influenzano vari parametri.

Parametro Modulation Destination
Start Parametro Start della sezione PITCH / GATE sulla pagina Pitch / Envelope (page 2).
Cutoff Parametro Cutoff della sezione FILTER (con tipi filtro LP2, HP2, BP2) sulla pagina FX / Filter (page 3).
LFO Depth Usa questo potenziometro per regolare quanto la rotella Modulation influisce sulla profondità della modulazione LFO (per tutti i target) definita sulla pagina LFO (pagina 5).
Pan Parametro Pan sulla pagina Audio pdelle proprietà di uscita del Sound.

5.3 Utilizzo di strumenti nativi e plug-in esterni

MASCHINE consente di caricare plug-in VST / AU da Native Instruments (plug-in Native Instruments) o da qualsiasi produttore di terze parti (plug-in esterni) e di utilizzarli come i plug-in interni MASCHINE.

Come con i plug-in interni, per il caricamento di strumenti nativi e plug-in esterni vengono applicate le seguenti regole:

  • Un plug-in di uno strumento può essere caricato solo nel primo slot plug-in di un suono.
  • Un plug-in di effetti può essere caricato in qualsiasi slot plug-in di qualsiasi suono, qualsiasi gruppo o del master.

Le sezioni seguenti descrivono funzioni e attività aggiuntive specifiche per Native Instruments e / o plug-in esterni rispetto ai plug-in interni.

5.3.1 Apertura / chiusura delle finestre plug-in

Quando si carica uno strumento nativo o un plug-in esterno in uno slot plug-in, è possibile aprire una finestra mobile contenente l’interfaccia utente di Native Instruments o strumento / effetto di terze parti.

MASCHINE mostra le interfacce utente di alcuni plug-in di Native Instruments (MONARK, EQ PASSIVO, GUITAR RIG e FM8).

Quando uno strumento nativo o un plug-in esterno è stato caricato in uno slot plug-in, appare una piccola freccia direzionale a sinistra delle schede delle pagine dei parametri, nella parte superiore dell’area di controllo:

► Per aprire o chiudere la finestra mobile di Native Instruments o External Plug-in, selezionare questo plug-in e fare clic sulla piccola freccia diagonale a sinistra delle schede delle pagine dei parametri (nella parte superiore dell’area di controllo). È anche possibile fare doppio clic sul nome del plug-in nell’elenco.

MASCHINE mostrerà sempre le finestre mobili aperte del suono, del gruppo o del master focalizzato quando selezionato. Quando si imposta lo stato attivo su un altro suono, gruppo o master, tutte le finestre mobili aperte scompaiono, eventualmente sostituite da quelle per strumenti nativi e / o plug-in esterni caricati nel nuovo suono / gruppo / master.

Plug-in di Native Instruments: predefinito, aggiuntivo e vista Modifica

I plug-in di Native Instruments offrono le seguenti funzionalità extra nella finestra mobile:

  • Intestazione plug-in: è la stessa del pannello del plug-in nella striscia plug-in (software nella vista Mix), con un pulsante di modifica aggiuntivo descritto di seguito.
  • Vista predefinita e vista aggiuntiva: ogni plug-in di strumenti nativi può fornire una o due visualizzazioni personalizzate, compresi insiemi ridotti di controlli. La vista predefinita è disponibile per ogni plug-in di strumenti nativi, mentre la visualizzazione aggiuntiva è disponibile solo per i plug-in di strumenti nativi specifici. Se un plug-in di strumenti nativi fornisce una vista aggiuntiva, puoi passare dalla visualizzazione predefinita a quella aggiuntiva facendo clic sul pulsante “+” nella plug-in Header:

Queste viste sono anche disponibili nel pannello del plug-in nella striscia plug-in (vista Mix nel software).

  • Vista di Modifica: la vista Modifica mostra l’interfaccia utente completa del prodotto originale di Native Instruments. Puoi mostrare / nascondere la vista Modifica facendo clic sul pulsante Modifica (che mostra un’icona a forma di matita) nell’intestazione del plug-in:

Apertura / chiusura delle finestre di plug-in sul controller

Sul controller, per aprire / chiudere una finestra mobile per strumenti nativi o plug-in esterni, procedi come segue:

  • Selezionare gli strumenti nativi o il plug-in esterno.
  • Premere SHIFT + Pulsante 3 (EDIT) per aprire l’interfaccia utente del plug-in in una finestra mobile separata. Premere nuovamente SHIFT + Pulsante 3 per chiudere la finestra mobile.

5.3.2 Utilizzo dei parametri plug-in VST / AU

I parametri di Native Instruments e External Plug-in offrono vari modi per modellare singolarmente ogni strumento / effetto. Naturalmente, è possibile regolare questi parametri utilizzando l’interfaccia utente propria del plug-in. Ma MASCHINE consente anche un accesso rapido e conveniente ai parametri di qualsiasi Native Instruments o External Plug-in: al caricamento questi parametri sono auto-mappati e organizzati in pagine di parametri che appariranno sia nell’area di controllo del software che sul tuo controller in modalità Control – esattamente come i plug-in interni.

Avere i parametri del plug-in sulle pagine dei parametri in MASCHINE ha i seguenti vantaggi:

  • È possibile scorrere le pagine dei parametri e modificare ciascun parametro sul controller tramite il consueto flusso di lavoro direttamente dopo aver caricato Native Instruments o Plug-in esterno
  • I parametri del plug-in possono essere automatizzati allo stesso modo di altri parametri

Lo stato corrente dei parametri del plug-in può essere salvato sul browser come preset per il richiamo totale del plug-in.

Una pagina Parametro con mappatura automatica del plug-in Massive nel software.

Una pagina Parametro con mappatura automatica del plug-in Massive sul controller.

Inoltre, per i plug-in di Native Instruments queste pagine dei parametri raggruppano i parametri del plug-in in modo intelligente che si adatta ai flussi di lavoro specifici di ciascun plug-in. Ad esempio nel plug-in MASSIVE, gli otto controlli macro di MASSIVE verranno raggruppati in una singola pagina di parametro, i parametri principali per l’oscillatore 1 verranno raggruppati in un’altra pagina di parametri, ecc.

5.3.3 Impostazione delle proprie pagine dei parametri

Come con qualsiasi plug-in, i parametri di uno strumento nativo o di un plug-in esterno sono organizzati in pagine. Ogni plug-in può avere un numero qualsiasi di pagine, ciascuna contenente 8 potenziometri, che possono essere assegnati ai parametri dello strumento o dell’effetto VST / AU.

Le pagine dei parametri possono essere assegnate automaticamente utilizzando la mappatura automatica o create individualmente tramite la modalità Learn. Con la modalità di apprendimento, è possibile creare pagine personalizzate contenenti solo i parametri desiderati disposti per adattarsi al flusso di lavoro personale. Inoltre, è possibile creare sezioni di parametri all’interno di ciascuna pagina di parametro personalizzata e definire etichette personalizzate per parametri, sezioni e intere pagine dei parametri.

Per iniziare ad assegnare i parametri, fai quanto segue:

  • Selezionare il plug-in per cui si desidera personalizzare le assegnazioni dei parametri.
  • Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso nell’angolo in basso a sinistra dell’area di controllo per rivelare l’area di assegnazione sotto:

  • Fare clic sulla scheda Pagine nella parte sinistra dell’area Assegnazione:

→ La scheda Pagine si illumina e il riquadro Pagine appare alla sua destra. Ora sei pronto per assegnare i parametri alle pagine dei parametri.

Quando il riquadro Pagine dell’area Assegnazione è aperto, si notano anche alcune modifiche nell’area di controllo in alto:

L’area di controllo con il pannello Pagine attiva nell’area di assegnazione sotto.

(1) Pulsante Elimina pagina (simbolo “x”): Fare clic sulla piccola “x” dopo il nome di una pagina per eliminare questa pagina del parametro.

(2) Campi etichetta sezione: questi campi consentono di definire sezioni di parametri all’interno della pagina visualizzata. Fare doppio clic sul campo sopra il primo parametro che si desidera includere nella sezione, digitare il nome desiderato per la sezione e premere [Enter] per confermare. La nuova sezione includerà tutti i seguenti parametri fino all’inizio della sezione successiva (ciò può essere visto solo dopo aver chiuso l’area di assegnazione). Inoltre, la pagina Parameter rispecchierà l’etichetta (o le etichette) della sua sezione – se c’è più di una sezione, l’etichetta della pagina rispecchierà tutte loro, separate da barre.

(3) Pulsante Aggiungi pagina (simbolo “+”): Fare clic sul piccolo “+” dopo l’ultima etichetta della pagina per aggiungere una nuova pagina. Per impostazione predefinita, le pagine sono etichettate “Pagina 1”, “Pagina 2”, ecc. Puoi cambiare le etichette delle pagine definendo le sezioni all’interno delle tue pagine tramite i campi Etichetta sezione (2) – vedi sopra.

(4) Cornice messa a fuoco: indica il potenziometro assegnato. Fare clic su qualsiasi potenziometro per modificarne il compito.

(5) Campi etichetta parametri: fare doppio clic su questi campi per inserire etichette personalizzate per i parametri (premere [Invio] per confermare). Queste etichette verranno replicate ovunque in MASCHINE per i parametri corrispondenti.

(6) Pulsante di ripristino: fare clic su Ripristina per rimuovere l’assegnazione per il potenziometro selezionato.

(7) Pulsante di Learn: fare clic su Learn per accedere alla modalità di apprendimento. La modalità di apprendimento è un processo di apprendimento intuitivo che consente di assegnare rapidamente i parametri di plug-in desiderati a tutti gli otto potenziometri della pagina Parametro corrente contemporaneamente. Quando viene avviata la modalità Learn, ciascun potenziometro della pagina viene messo a fuoco successivamente a partire dal potenziometro selezionato per la modifica, indicata dal riquadro Focus (4). Il prossimo parametro toccato nell’interfaccia utente del plug-in verrà assegnato al potenziometro focalizzato. Una volta assegnato un potenziometro, quello successivo a destra avrà il Focus, e così via fino all’assegnazione dell’ultimo potenziometro. Una volta completato, la modalità Learn viene automaticamente disattivata. In alternativa, in qualsiasi momento è possibile fare clic di nuovo su Learn se si desidera interrompere l’assegnazione dei parametri. Quando la modalità Learn è attiva, puoi cambiare manualmente il focus dei potenziometri facendo clic sul potenziometro desiderato nell’area Parameter.

Parametri slot – Menu contestuale

Quando l’area Assegnazione è aperta e la scheda Pagine è selezionata, un clic con il pulsante destro del mouse su un’etichetta dello slot Parametro assegnato o non assegnato fa apparire un menu di scelta rapida.

Il menu di scelta rapida dei parametri slot.

Il menu di scelta rapida contiene i seguenti elementi:

Oggetto Menu Descrizione Scorciatoie da Tastiera
Rename Rinomina il Parametro. Ctrl + R / Cmd + R
Learn Attiva la Modalità Learn.
Reset Resetta il Parametro.
Cut Taglia il Parametro da Incollare in un’altra posizione. Ctrl + X / Cmd + X
Copy Copia il Parametro. Ctrl + C / Cmd + C
Paste Incolla una Macro tagliata o copiata in una nuova posizione. Paste è disponibile solo se negli Appunti è presente un Parametro applicabile: Incolla è disponibile solo sullo stesso plug-in, questo plug-in può essere posizionato altrove. Ctrl + V / Cmd + V

Nomi Pagina – Menu contestuale

Quando l’Area assegnazione è aperta e la scheda Pagine è selezionata, un clic con il pulsante destro del mouse su un nome pagina nella parte superiore dell’area Parametro apre un menu di scelta rapida.

Il menu di scelta rapida delle pagine dei parametri.

Il menu di scelta rapida contiene i seguenti elementi:

Oggetto Menu Descrizione Scorciatoie da tastiera
Delete Elimina la pagina corrente con tutte le assegnazioni
Clear All Cancella tutte le assegnazioni ed elimina tutte le pagine.

6.3.4 Utilizzo dei preset di plug-in VST / AU

Per alcuni dei tuoi Native Instruments o plug-in VST / AU di terze parti, potresti già avere un set di impostazioni predefinite di fabbrica o utente (o patch, programmi, ecc.) che desideri utilizzare. MASCHINE ti permette di caricare direttamente questi preset e salvarli come preset Plug-in all’interno di MASCHINE. Salvando i tuoi preset VST / AU come preset di plug-in all’interno di MASCHINE ti permetterà in particolare di accedervi dal browser MASCHINE, nel software e dal tuo controller!

Accesso ai preset di fabbrica degli strumenti / effetti degli strumenti nativi

L’accesso ai preset di fabbrica degli strumenti e degli effetti di Native Instruments è semplice: i preset di fabbrica di tutti gli strumenti / effetti di Native Instruments installati sul computer sono già integrati nella libreria MASCHINE! Li troverai direttamente nel Browser selezionando il tipo di file corrispondente (Strumenti o Effetti) nel selettore Tipo file, quindi selezionando il contenuto di fabbrica facendo clic sul logo NI sulla destra, quindi scegliendo il prodotto NI desiderato nel menu a discesa elencato sotto – e, naturalmente, troverete tutti questi preset nelle stesse posizioni nel Browser sul controller.

Accesso ad altri preset VST / AU

Per accedere ai preset utente degli strumenti / effetti di Native Instruments e ai preset di fabbrica e utente dei plug-in VST / AU di terze parti, è necessario prima caricare i corrispondenti strumenti nativi o plug-in esterni in un plug-in slot.

  • Caricare gli strumenti nativi o il plug-in esterno desiderato in uno slot per plug-in
  • Aprire il menu Plug-in facendo clic sulla piccola freccia a destra dello slot del plug-in.

Il menu Plug-in contiene ora un sottomenu Presets aggiuntivo situato sotto i sottomenu Native Instruments e External:

Questo sottomenu fornisce l’elenco di tutti i preset che il tuo plug-in VST / AU ha reso disponibile all’host – MASCHINE in questo caso.

  • Selezionare la preselezione desiderata in questo sottomenu.

→ Il preset è caricato nel plug-in.

Ogni strumento o effetto VST / AU potrebbe gestire i suoi preset (o patch, programmi …) in modo diverso. Fare riferimento alla documentazione del plug-in per scoprire come mostrare i suoi preset (o un particolare set di preset) all’host.

MASCHINE ti consente anche di cambiare il preset in Native Instruments o il plug-in VST / AU di terze parti tramite messaggi MIDI Program Change.

Salvataggio del preset VST / AU come preset plug-in MASCHINE

Una volta caricato un preset VST / AU (preset utente di uno strumento / effetto Native Instruments o qualsiasi preset di uno strumento o effetto VST / AU di terze parti) utilizzando il metodo descritto sopra, è possibile salvarlo come preset del plug-in in MASCHINE tramite i comandi Salva con nome … o Salva come predefinito … del menu Plug-in. Fatto ciò, il tuo preset sarà disponibile come preset dell’utente nella categoria Instrument o Effect del browser MASCHINE.

5.3.4 Plug-in a più uscite e plug-in multitimbrici

MASCHINE consente un uso esteso di plug-in a più uscite e plug-in multitimbrici.

Plug-in a uscite multiple

I plug-in a uscita multipla sono plug-in con più di un’uscita audio stereo.

Quando un plug-in a uscita multipla viene caricato in un suono, MASCHINE utilizza le sue uscite disponibili come segue:

  • La prima coppia di uscite del plug-in è inserita nella consueta catena di segnale plug-in: questa coppia di uscite viene inserita nell’ingresso del successivo slot plug-in (o inviata all’uscita del canale se il plug-in è nell’ultimo Slot plug-in).
  • Le uscite aggiuntive del plug-in sono rese disponibili come sorgenti audio per altri suoni dello stesso gruppo (vengono visualizzati nel menu Sorgente nella pagina Audio delle proprietà di ingresso per questi suoni). Questo può essere usato per costruire percorsi avanzati in MASCHINE.

Plug-in multitimbrici

I plug-in multitimbrici sono plug-in che possono ricevere MIDI di controllo dal host.

Quando un plug-in multitimbrico viene caricato in un suono, gli altri suoni dello stesso gruppo possono inviare dati MIDI a questo plug-in: Il plug-in apparirà come porta aggiuntiva nel Dest. menu sulla pagina MIDI delle proprietà di uscita per questi suoni.

error: Mi spiace. Se vuoi una copia pdf della dispensa richiedila via email