Maschine 2.7 Software – Routing Audio, Controllo Remoto, e controlli Macro – Manuale utente

Condividi

Questo capitolo descrive alcuni argomenti e caratteristiche importanti del sistema di routing e assegnazione di MASCHINE. La comprensione di questi sarà di grande aiuto nei numerosi flussi di lavoro di MASCHINE:

  • Spiegheremo come funziona il routing audio di MASCHINE e come sfruttare la sua flessibilità
  • Descriveremo come indirizzare i segnali MIDI da e verso i Suoni e i Gruppi e come controllare i parametri di MASCHINE tramite l’automazione MIDI e host.
  • Mostreremo come usare i potenti Controlli Macro per migliorare notevolmente la tua esperienza dal vivo mettendo i parametri desiderati a portata di dita

Le proprietà del canale

La maggior parte delle funzionalità descritte qui è accessibile tramite le proprietà del canale. Le proprietà del canale sono impostazioni globali che si applicano a un particolare suono, gruppo o al master indipendentemente dal quale i plug-in sono caricati nei suoi slot plug-in.

Le proprietà del canale sono organizzate in quattro set. Set di proprietà simili sono disponibili per tutti i canali (suoni, gruppi e master): proprietà di input (non disponibili per il master), proprietà di output, proprietà di groove e proprietà macro.

È possibile accedere alle proprietà del canale e ai relativi parametri tramite la stessa procedura utilizzata per i plug-in, sia nel software che dal controller.

Le proprietà di input, le proprietà di output e le proprietà delle macro sono trattate nelle seguenti sezioni.

11.1 Routing audio in MASCHINE

MASCHINE offre un potente sistema di routing audio che puoi personalizzare con precisione per soddisfare le tue esigenze specifiche.

Per farla breve, per impostazione predefinita i vari canali di MASCHINE sono strutturati in modo semplice e gerarchico:

  • Al livello inferiore, ogni suono ha il proprio canale. L’output del canale di Sound viene inviato al gruppo principale.
  • A livello medio, ogni gruppo ha il proprio canale, che somma tutti i canali dei suoni inclusi. L’output del canale del gruppo viene inviato al master.
  • Al livello superiore, il Master ha il proprio canale, che somma i canali di tutti i gruppi e finisce nell’output principale di MASCHINE. L’output del canale del Master viene inviato al sistema di amplificazione (in modalità standalone) o all’applicazione host (in modalità plug-in).

Questa configurazione di base di default può essere personalizzata in molti modi. Usando le impostazioni audio disponibili nelle proprietà Input e Output a livello di Sound, Group e Master, puoi costruire percorsi complessi che coprono una vasta gamma di situazioni, come vedrai nelle prossime sezioni:

  • Alimenta l’audio esterno all’ingresso dei tuoi suoni.
  • Regola l’output principale di Suoni e gruppi e indirizzalo a varie destinazioni.
  • Invia le uscite ausiliarie di Suoni e gruppi ad altre destinazioni.
  • Scegli la destinazione e le impostazioni per l’uscita Master (uscita principale di MASCHINE) e per il bus Cue utilizzato per il pre-ascolto.

Mix View o Arrange View?

Quando si tratta di regolare i percorsi audio e MIDI, la vista Mix a volte può essere il modo più efficiente per lavorare: il familiare layout di mixing desk consente di trovare rapidamente i parametri che si stanno cercando e di regolare la routing al volo. Quindi, nelle seguenti sezioni descriviamo le procedure sia nella vista Arrange che nella vista Mix.

Configurazione della routing audio dal controller

Tutte le procedure descritte nelle seguenti sezioni fanno uso delle proprietà del canale. Di conseguenza, possono anche essere eseguiti dal tuo controller! Per fare ciò, passare il controller in modalità di controllo e navigare fino alle proprietà del canale desiderate.

11.1.1 Invio di audio esterno a suoni

Ogni suono può essere configurato per ricevere segnali audio esterni. Questi segnali audio possono provenire dalle seguenti fonti:

  • Fuori da MASCHINE (dall’interfaccia audio se MASCHINE è utilizzato in modalità standalone o dal tuo host se MASCHINE è utilizzato in modalità plug-in).
  • Uscite aggiuntive di plug-in a più uscite che potrebbero essere caricati da qualche altra parte nel progetto.

Ogni suono può utilizzare un ingresso stereo esterno. Lo stesso segnale esterno può essere inserito in un numero qualsiasi di suoni.

Ad esempio, ciò consente di processare qualsiasi segnale audio esterno dai plug-in caricati in quel suono e, più in generale, integrare i segnali audio esterni nel sistema di routing ed elaborazione MASCHINE.

La configurazione degli ingressi audio esterni per un suono viene eseguita nella pagina Audio delle proprietà di ingresso del suono.

La pagina Audio delle proprietà di Input per un Suono nel software

La pagina Audio delle proprietà di Input per un Suono sul controller

Controllo Descrizione
Sezione AUDIO
Source Seleziona un ingresso audio esterno da indirizzare al suono. Le voci disponibili sono None (nessun input esterno) e i quattro input stereo esterni Ext. 1-4, così come ogni uscita aggiuntiva di plug-in a più uscite caricati in altri suoni dello stesso gruppo. Controlla la pagina Routing del pannello Impostazioni audio e MIDI per indirizzare gli ingressi fisici della tua interfaccia audio agli ingressi audio virtuali di MASCHINE.
Gain Regola il guadagno del segnale in ingresso.

Configurazione degli ingressi esterni per i suoni in Mix View

È inoltre possibile inviare facilmente audio esterno ai suoni in Mixer di MASCHINE:

  1. Fai clic sul pulsante Mix View sulla sinistra dell’Arranger per passare dalla vista Disponi alla vista Mix:

  1. Apri la vista estesa del Mixer facendo clic sulla freccia rivolta verso il basso a sinistra del Mixer:

  1. Verificare che il pulsante IO sia attivo sulla sinistra del Mixer; in caso contrario, fare clic su di esso per abilitarlo e visualizzare le impostazioni di ingresso / uscita di ogni channel strip.

  1. Se il Mixer visualizza attualmente i canali Group, nella riga superiore del Mixer fare doppio clic sull’intestazione del Gruppo contenente il Sound che si desidera configurare. Se il Mixer visualizza attualmente i canali audio, fai clic sull’intestazione del gruppo desiderato.

Il mixer visualizza le strisce canale di tutti i suoni nel gruppo selezionato.

  1. Nella parte superiore della striscia di canale del suono che si desidera configurare, fare clic sul primo campo sotto il nome del suono e selezionare l’input esterno desiderato nel menu.

Questo è equivalente all’impostazione del parametro Source sopra descritto.

  1. Ruota il piccolo potenziometro a sinistra per regolare il guadagno in ingresso.

Questo è equivalente all’impostazione del parametro Gain descritto sopra.

11.1.2 Configurare le uscite principali di Suoni e Gruppi

Per impostazione predefinita, gli output di tutti i suoni di un gruppo vengono inviati a questo gruppo, dove vengono mixati ed elaborati dai plug-in caricati nel gruppo, se presenti. Allo stesso modo, per impostazione predefinita, le uscite di tutti i gruppi vengono inviate al master, dove vengono mixate insieme ed elaborate dai plug-in caricati nel master, se presenti.

Questo comportamento predefinito può essere personalizzato a proprio piacimento: è possibile regolare il livello e la posizione panoramica dell’uscita del canale o inviarlo al bus Cue per l’ascolto preliminare. Inoltre, è possibile inviare singoli suoni o interi gruppi ad altre coppie di uscite sull’interfaccia audio per elaborarli separatamente in una fase successiva. La configurazione di routing di output viene eseguita nella pagina Audio delle proprietà di output per suoni e gruppi.

La pagina Audio delle proprietà di uscita (qui per un suono) nel software.

La pagina Audio delle proprietà di uscita (qui per un suono) sul controller.

Controlli Descrizione
Sezione AUDIO
Dest. Seleziona dove inviare l’uscita audio principale del tuo canale.

Per i suoni, le opzioni disponibili sono None (nessuna uscita), Principale, Gruppo (gruppo principale, impostazione predefinita), qualsiasi altro Gruppo o qualsiasi altro suono che funge da punto di collegamento (ovvero contenente un plug-in di effetti nel primo slot del plug-in) , così come le 16 uscite stereo esterne Ext. 1-16.

Per i gruppi, le opzioni disponibili sono None (nessuna uscita), Master (impostazione predefinita), qualsiasi altro gruppo che funge da punto di bussing (cioè contenente un plug-in Effect nel suo primo slot plug-in), qualsiasi suono che funge da punto di altro gruppo, così come le 16 uscite stereo esterne Ext. 1-16.

I punti di connessione disponibili sono etichettati come descritto di seguito.

Cue Quando Cue è abilitato, l’uscita principale del canale viene inviata al bus Cue al posto del suo target normale (definito in Dest., Vedi sopra). Ad esempio, questo è molto utile per pre-ascoltare un canale prima di mischiarlo alla tua esibizione.

Notare che quando Cue è abilitato, anche le uscite Aux 1 e Aux 2 del canale vengono disattivate, ma non vengono inviate al bus Cue.

Level Regola il livello generale del volume del canale.
Pan Definisce la posizione pan del canale nel campo stereo.
Audio Mute (solo Sounds) Se attivi Audio Mute, il silenziamento di questo suono non solo eluderà i suoi eventi ma anche metterà in sordina la sua uscita audio, disattivando quindi le code audio dalle note già suonate.

Etichette per i punti di collegamento in Dest.Selector

I vari punti di buss disponibili nel Dest. selettore (descritto nella tabella sopra) sono indicati in modo diverso nel menu a discesa e nel display del selettore:

  • Nel menu a discesa sono etichettati come segue:

Per i gruppi: [Nome gruppo] (ad esempio, Drums).

Per suoni: [Nome gruppo]: [Nome audio] – [numero di inserimento] (ad esempio, Batteria: Kick-1).

  • Nel display del selettore sono etichettati come segue:

Per i gruppi: [lettera di gruppo + numero] (ad esempio, A2).

Per suoni: [Lettera gruppo + numero]: S [Numero suono] – [numero di ingresso] (ad es., A2: S4-1 per il primo ingresso del Sound 4 del Gruppo A2).

Scorciatoie di livello e pan per suoni e gruppi

È possibile accedere rapidamente ai parametri Level e Pan descritti sopra tramite i piccoli potenziometri disponibili nella Sound List e nella Group List, alla sinistra di Pattern Editor e dell’Arringer, rispettivamente: Per ogni canale (Sound o Group) il potenziometro a sinistra regola il livello e il potenziometro a destra regola la posizione panoramica.

La coppia di potenziometri per ciascun suono / gruppo consente di regolare rapidamente il livello del canale e la posizione panoramica.

Configurazione delle uscite principali di suoni e gruppi in Mix View

Puoi anche configurare facilmente le uscite dei tuoi suoni e gruppi nel Mixer di MASCHINE:

  1. Fai clic sul pulsante Mix View sulla sinistra dell’Arranger per passare da Arrange view a Mix

  1. Apri la vista estesa del Mixer facendo clic sulla freccia rivolta verso il basso a sinistra del Mixer:

Passare al canale di cui si desidera configurare l’output: per un suono, fare clic sull’intestazione del gruppo principale (oppure fare doppio clic su di esso se il mixer visualizza attualmente le strisce di canale del gruppo) e per un gruppo assicurarsi semplicemente che la relativa striscia di canale sia visibile (fai doppio clic sull’intestazione di gruppo se al momento il Mixer visualizza le strisce del canale audio).

  1. Per regolare il livello, la posizione panoramica o lo stato Cue di un canale, utilizzare rispettivamente il fader del canale, il controllo del bilanciamento (sopra il fader) o il pulsante delle cuffie (sotto il fader).

Questo è equivalente all’impostazione dei parametri Level, Pan e Cue descritti sopra, rispettivamente.

  1. Per selezionare un’altra destinazione per l’uscita del canale, fare clic sulla prima area sotto il meter di livello e selezionare la destinazione desiderata nel menu.

Questo è equivalente all’impostazione di Dest. parametro descritto sopra.

11.1.3 Impostazione delle uscite ausiliarie per suoni e gruppi

Ogni suono o gruppo del tuo progetto fornisce due uscite ausiliarie che puoi indirizzare a destinazioni aggiuntive. Ad esempio, è possibile inviare una quantità definibile dell’uscita audio del canale ad altri canali per un’ulteriore elaborazione. Questo è particolarmente usato negli effetti send.

Le uscite ausiliarie di un suono / gruppo sono configurate sulla pagina Aux delle proprietà di uscita.

La pagina Aux delle proprietà di uscita (qui per un gruppo) nel software.

La pagina Aux delle proprietà di uscita (qui per un gruppo) sul controller.

Controlli Descrizione
Sezione AUX 1 / AUX 2
Dest. Seleziona dove vuoi inviare l’uscita Aux 1 o Aux 2 del tuo canale. Le opzioni disponibili sono le stesse del Dest. selettore della pagina Audio, tranne che per Aux 1 e Aux 2 la destinazione predefinita è Nessuno – in altri termini non ci sono mandate ausiliarie definite di default.
Level Regola il livello del segnale inviato all’uscita Aux 1 o Aux 2.
Order Se Order è impostato su Pre, il canale verrà inserito in Aux 1 o Aux 2 prima che vengano applicate le impostazioni di livello e pan della sezione MAIN della pagina Audio. Se Order è impostato su Post (impostazione predefinita), le impostazioni Level e Pan dell’uscita principale influenzano anche i segnali inviati alle uscite ausiliarie.

Impostazione delle uscite ausiliarie di suoni e gruppi in Mix View

Puoi anche facilmente impostare uscite ausiliarie per i tuoi suoni e gruppi nel Mixer di MASCHINE:

  1. Fai clic sul pulsante Mix View sulla sinistra dell’Arranger per passare dalla vista Disponi alla vista Mix:

  1. Apri la vista estesa del Mixer facendo clic sulla freccia rivolta verso il basso a sinistra del Mixer:

  1. Verificare che il pulsante AUX sia attivo sulla sinistra del Mixer; in caso contrario, fare clic per attivarlo e visualizzare le impostazioni per le uscite ausiliarie di ogni channel strip.

  1. Passare al canale di cui si desidera configurare un’uscita ausiliaria: per un suono, fare clic sull’intestazione del gruppo principale (oppure fare doppio clic su di essa se al momento il mixer visualizza le strisce di canale del gruppo) e per un gruppo assicurarsi semplicemente che il suo canale la striscia è visibile (fai doppio clic sull’intestazione del gruppo se al momento il Mixer visualizza le strisce del canale audio).
  2. Nella striscia di canale del suono o del gruppo desiderato, fare clic sull’etichetta AUX 1 o AUX 2 (etichette predefinite) nella parte inferiore della striscia e selezionare la destinazione desiderata nel menu.

Questo è equivalente all’impostazione di Dest. parametro descritto sopra.

  1. Regola il livello per quell’uscita ausiliaria tramite il picoclo ppotenziometro a destra del menu.

Questo è equivalente all’impostazione del parametro Level descritto sopra.

  1. Impostare lo stato pre / post dell’uscita ausiliaria facendo clic sull’etichetta Post (o Pre) proprio sotto

il menu.

Questo è equivalente all’impostazione del parametro Ordine sopra descritto.

11.1.4 Configurazione delle uscite Master e Cue di MASCHINE

Tutti i canali indirizzati al Master vengono mixati insieme ed elaborati dai Plug-in caricati nel Master, se presenti. Il risultato viene quindi inviato all’uscita Master (ovvero l’uscita principale di MASCHINE).

Inoltre, tutti i canali attualmente indirizzati al bus Cue per il pre-ascolto vengono mixati insieme e inviati all’output Cue.

È possibile scegliere quali uscite (sulla propria interfaccia audio o nel proprio host) devono essere inviate entrambe le uscite Master e Cue e regolare i rispettivi livelli e posizioni panoramiche. Questo viene fatto nella pagina Audio delle proprietà di uscita per il master.

La pagina Audio delle proprietà di uscita per il master nel software.

La pagina Audio delle proprietà di uscita per il master sul controller.

Controlli Descrizione
Sezione AUDIO
Output Seleziona dove vuoi inviare l’output principale del tuo progetto MASCHINE. Le opzioni disponibili sono le 16 uscite stereo esterne Ext. 1-16.
Level Regola il livello generale del volume dell’uscita principale. Questo controllo è lo stesso del cursore Volume master nell’intestazione, nell’angolo in alto a destra della finestra di MASCHINE.
Pan Definisce la posizione panoramica dell’uscita master nel campo stereo.
Sezione CUE
Output Seleziona dove vuoi inviare il bus Cue del tuo progetto MASCHINE. Le opzioni disponibili sono le 16 uscite stereo esterne Ext. 1-16. Selezionando un’uscita diversa da quella utilizzata per l’uscita stereo principale, è possibile pre-ascoltare in modo efficace su questa uscita aggiuntiva (ad es., Sulle cuffie) qualsiasi canale attualmente inviato al bus Cue. Per inviare un canale al bus Cue, abilitare lo switch Cue nella pagina Audio delle sue proprietà Output.
Level Regola il livello dell’output Cue.
Pan Definisce la posizione panoramica dell’uscita Cue nel campo stereo.

Configurazione delle uscite Master e Cue in Mix View

È inoltre possibile configurare facilmente le uscite Master e Cue di MASCHINE nel Mixer. Entrambi condividono la stessa striscia di canale all’estremità destra del Mixer.

Per visualizzare la striscia del canale Master / Cue, effettuare le seguenti operazioni:

  1. Fai clic sul pulsante Mix View sulla sinistra dell’Arranger per passare dalla vista Disponi alla vista Mix:

  1. Apri la vista estesa del Mixer facendo clic sulla freccia rivolta verso il basso a sinistra del Mixer:

  1. Fare clic sullo sfondo dell’ultima intestazione nell’angolo in alto a destra del Mixer.

La striscia del canale Master / Cue appare sotto.

In questa striscia di canale Master / Cue, effettuare le seguenti operazioni per configurare l’uscita del canale Master:

  1. Fare clic su Master nell’intestazione della striscia per mostrare i controlli per il canale Master.

  1. Per regolare il livello e la posizione panoramica dell’uscita principale, utilizzare il controllo del fader e del bilanciamento del canale (sopra il fader), rispettivamente.

Questo è equivalente all’impostazione dei parametri Level o Pan nella sezione MAIN, rispettivamente (vedi sopra).

  1. Per selezionare un’altra destinazione per l’uscita Master, fare clic sulla prima area sotto il meter di livello e selezionare la destinazione desiderata nel menu.

Questo è equivalente all’impostazione del parametro Output nella sezione MAIN (vedi sopra).

In questa striscia di canale Master / Cue, effettuare le seguenti operazioni per configurare l’output del canale Cue:

  1. Fare clic sull’icona della cuffia nell’intestazione della striscia per mostrare i controlli per il canale Cue.

  1. Per regolare il livello e la posizione panoramica dell’uscita Cue, usate il controllo del fader e del bilanciamento del canale (sopra il fader), rispettivamente.

Questo è equivalente all’impostazione dei parametri Level o Pan nella sezione CUE, rispettivamente (vedi sopra).

  1. Per selezionare un’altra destinazione per l’output Cue, fare clic sulla prima area sotto il meter di livello e selezionare la destinazione desiderata nel menu.

Questo è equivalente all’impostazione del parametro Output nella sezione MAIN (vedi sopra).

11.1.5 Ingressi audio mono

Ogni suono può essere configurato per ricevere segnali stereo o mono esterni. È possibile utilizzare segnali audio esterni a MASCHINE (dall’interfaccia audio se MASCHINE è utilizzato in modalità standalone o dal proprio host se MASCHINE è utilizzato in modalità plug-in).

MASCHINE offre 4 ingressi stereo o 8 ingressi mono, quindi ciascun suono può utilizzare un ingresso mono o stereo esterno. Lo stesso segnale esterno può essere inserito in un numero qualsiasi di suoni.

Ad esempio, ciò consente di elaborare qualsiasi segnale audio esterno utilizzando i plug-in caricati in un suono e, più in generale, integrare i segnali audio esterni nel sistema di routing ed elaborazione MASCHINE.

Gli ingressi audio esterni per un suono possono essere configurati nella pagina Audio delle proprietà di ingresso del suono.

Configurazione degli ingressi audio esterni nelle proprietà di input.

Per ulteriori informazioni sull’invio audio e l’invio di audio esterno ai suoni, leggere il capitolo 8 del manuale MASCHINE.

11.1.5.1 Configurazione degli ingressi esterni per i suoni in Mix View

Puoi anche inviare facilmente audio stereo o mono esterno ai suoni nel Mixer di MASCHINE:

  1. Fai clic sul pulsante Mix View sulla sinistra dell’Arranger per passare dalla vista Arrange alla vista Mix:

  1. Apri la vista estesa del Mixer facendo clic sulla freccia rivolta verso il basso a sinistra del Mixer:

  1. Verificare che il pulsante IO sia attivo sulla sinistra del Mixer; in caso contrario, fare clic su di esso per abilitarlo e visualizzare le impostazioni di ingresso / uscita di ogni channel strip.

  1. Se il Mixer visualizza attualmente i canali Group, nella riga superiore del Mixer fare doppio clic sull’intestazione del Gruppo contenente il Sound che si desidera configurare. Se il Mixer visualizza attualmente i canali audio, fai clic sull’intestazione del gruppo desiderato.
  • Il mixer visualizza le strisce canale di tutti i suoni nel gruppo selezionato.

  1. Nella parte superiore della striscia di canale del suono che si desidera configurare, fare clic sul primo campo sotto il nome del suono e selezionare l’input esterno desiderato nel menu.

Questo è equivalente all’impostazione del parametro Source sopra descritto.

  1. Ruota il piccolo potenziometro a sinistra per regolare il guadagno in ingresso.

11.2 Uso di MIDI Control e Host Automation

MASCHINE ti offre un controllo MIDI flessibile per il controllo remoto e l’automazione dell’host che può essere utilizzato in molte situazioni.

MIDI in entrata e automazione host

Master, gruppi e suoni di MASCHINE possono essere controllati tramite MIDI e l’host (quando MASCHINE è in esecuzione come plug-in), sia a livello globale che individuale:

  • Per impostazione predefinita, tutti i dati MIDI in arrivo sulla / e porta / e di ingresso MIDI abilitata saranno ricevuti dal Sound focalizzato del Gruppo focalizzato.
  • L’attivazione di suoni tramite note MIDI: per impostazione predefinita, le note MIDI in entrata attivano il suono focalizzato. È possibile modificare questo comportamento predefinito e mappare le note MIDI in entrata in modo diverso per adattare MASCHINE alle proprie esigenze. Le impostazioni MIDI appropriate possono essere configurate nella pagina MIDI delle proprietà di input, sia per i singoli suoni che per interi gruppi.
  • Controllo dei parametri tramite messaggi MIDI e automazione host: è possibile controllare i parametri delle proprietà dei canali e dei plug-in nei canali (suoni, gruppi e master) tramite messaggi MIDI e automazione host (quando MASCHINE è in esecuzione come plug-in.
  • Cambio di patch plug-in tramite messaggi MIDI Program Change: è possibile utilizzare i messaggi MIDI Program Change per richiamare particolari patch (o programmi, preset, ecc.) Per Native Instrument e External Plug-in caricati a livello Sound.

MIDI in uscita

Puoi anche inviare dati MIDI da Sounds. Ad esempio, quando MASCHINE è in esecuzione come plug-in in un ambiente host, ciò consente di registrare le prestazioni sui pad come pattern MIDI nell’applicazione host.

11.2.1 Attivazione dei suoni tramite note MIDI

MASCHINE ti permette di suonare i tuoi suoni via MIDI (ad es. Da una tastiera MIDI).

Di default e senza alcuna configurazione, le note MIDI in arrivo su qualsiasi porta MIDI e qualsiasi canale MIDI attiveranno diverse tonalità dello slot Sound attualmente focalizzato.

Per suonare uno o più suoni tramite note MIDI indipendentemente dal suono attualmente focalizzato, è necessario configurare le impostazioni di ingresso MIDI dei propri suoni o del loro gruppo, ovvero definire come i suoni o il gruppo devono reagire alle Note MIDI. Questo viene fatto nella pagina MIDI del gruppo o nelle proprietà di ingresso dei suoni.

Quando si configurano queste impostazioni di ingresso MIDI, tenere presente quanto segue:

  • Le impostazioni di ingresso MIDI per un gruppo influenzano tutti i suoni nel gruppo: ciascun suono verrà attivato da una nota MIDI differente. In genere, questo consente di impostare rapidamente un contorllo MIDI per un intero drum kit.
  • Le impostazioni di ingresso MIDI per un suono riguardano solo quel suono: le note MIDI in arrivo attiveranno note diverse di questo suono. In genere, questo consente di controllare uno strumento melodico via MIDI. Più precisamente, le note MIDI in arrivo verranno indirizzate al primo slot Plug-in del Sound.
  • Le impostazioni di ingresso MIDI di un suono e il suo gruppo principale vengono unite: Ad esempio, se si configura un gruppo per reagire alle note in arrivo sul canale MIDI 1, ma un suono viene impostato per reagire alle note in entrata sul canale MIDI 2, quindi questo suono reagirà a una nota in entrata sul canale MIDI 1 e tutte le note in arrivo sul canale 2.
  • Le impostazioni di ingresso MIDI qui descritte influiscono anche su altre funzioni di MASCHINE:

La selezione preimpostata tramite MIDI Program Change per Native Instruments e External Plug-in.

Il modo in cui i file MIDI vengono importati in Suoni e Gruppi.

Il modo in cui il MIDI nell’editor Pattern posiziona i suoni quando vengono trascinati sul software host.

  • L’automazione MIDI (ovvero il controllo dei parametri MASCHINE via MIDI) non è influenzata dalle impostazioni qui descritte.

La pagina MIDI delle proprietà di input (qui per un gruppo) nel software.

La pagina MIDI delle proprietà di input (qui per un gruppo) sul controller.

Le impostazioni di ingresso MIDI per suoni e gruppi forniscono i seguenti parametri:

Controllo Descrizione
Sezione MIDI ROUTING
Key Mode (solo modalitò Group) Abilita l’input di note MIDI per il gruppo selezionato (disabilitato per impostazione predefinita). Fare riferimento alla documentazione dell’host per scoprire come indirizzare i segnali MIDI al plug-in MASCHINE.

La modalità Key offre le seguenti opzioni:

Off: selezionare questa opzione per disabilitare l’immissione di note MIDI per il gruppo selezionato.

Drumkit: selezionare questa opzione per configurare comodamente l’input di note MIDI per il gruppo selezionato e posizionare ciascun suono su un tasto specifico cromaticamente attraverso la tastiera a partire da C2 verso l’alto.

Se non viene caricato nulla su un suono, nulla può essere attivato e, se si utilizza una tastiera KOMPLETE KONTROL serie S di Native Instruments, la luce guida rimarrà bianca per indicare che non è stato caricato nulla.

Inoltre, le tastiere KOMPLETE KONTROL serie S hanno un pulsante KEY MODE dedicato per attivare rapidamente l’opzione Drumkit per il gruppo selezionato in MASCHINE.

Selezionando Drumkit si influisce anche sul modo in cui il MIDI viene esportato da MASCHINE a un altro sequencer host quando si utilizza il dragger MIDI nell’editor Pattern.

Manuale: questa opzione ti consente di configurare l’input di note MIDI in base alle tue preferenze, incluse le impostazioni Source, Channel, Start Note e Thru.

Source (modo stand-alone e Manual solamente) Selezionare la porta MIDI su cui il suono o il gruppo riceveranno le note MIDI. Le voci disponibili sono None (ingresso per nota MIDI disabilitato, impostazione predefinita), Tutto (le note MIDI vengono ricevute su tutte le porte di ingresso abilitate) e ciascuna porta di ingresso MIDI abilitata. È possibile abilitare le porte di ingresso MIDI desiderate delle proprie interfacce MIDI nella pagina MIDI del pannello delle impostazioni Audio e MIDI. Notare che quando None è selezionato sia per un suono che per il suo gruppo genitore, se il suono è focalizzato riceverà le note MIDI da tutte le porte MIDI e su tutti i canali MIDI.
Channel (solo modalità Manuale) Selezionare il canale MIDI su cui il suono o il gruppo riceveranno note MIDI. Se si seleziona All (impostazione predefinita), il suono o il gruppo riceveranno le note MIDI da tutti i canali.

Il parametro Channel di un suono viene anche utilizzato quando si importa un file MIDI multicanale nel suo gruppo.

Start Note (solo modo Manuale) Definire la nota di root MIDI per quel gruppo (C1 di default). La nota di root MIDI e le 15 note MIDI superiori (da [Root Note] fino a [Root Note + 15]) attiveranno rispettivamente la nota fondamentale dello slot Sound 1-16. Le note MIDI in arrivo al di fuori di questo intervallo saranno ignorate dal Gruppo.

Il parametro Start Note viene anche utilizzato quando si importa un file MIDI a canale singolo nel Gruppo.

Thru (solo modo Manual) Attiva questo parametro per inviare eventi in entrata alle uscite MIDI. Questo può essere utile se si desidera registrare le note suonate da MASCHINE nel sequencer host e quindi riprodurle da lì, usando MASCHINE come sorgente sonora.

Disattiva questo parametro per impedire che gli eventi in entrata vengano indirizzati alle uscite.

Configurazione dell’ingresso di note MIDI per suoni e gruppi in Mix View

Puoi anche configurare facilmente l’input di note MIDI dei tuoi suoni e gruppi in Mixer di MASCHINE:

  1. Fai clic sul pulsante Mix View sulla sinistra dell’Arranger per passare dalla vista Disponi alla vista Mix:

  1. Apri la vista estesa del Mixer facendo clic sulla freccia rivolta verso il basso sulla sinistra del Mixer:

  1. Verificare che il pulsante IO sia attivo sulla sinistra del Mixer; in caso contrario, fare clic su di esso per abilitarlo e visualizzare le impostazioni di ingresso / uscita di ogni channel strip.

  1. Sopra l’area del fader nella striscia di canale del suono o del gruppo che si desidera configurare, fare clic sul campo più grande sulla destra (etichettato come MIDI IN per impostazione predefinita) e selezionare la porta MIDI desiderata nel menu.

Questo è equivalente all’impostazione del parametro Source sopra descritto.

Se MASCHINE è in esecuzione come plug-in, vedi invece un pulsante MIDI IN. Fare clic per abilitare l’ingresso MIDI dall’host.

Questo è equivalente all’attivazione del pulsante Attivo descritto sopra.

  1. Fare clic sul piccolo campo alla sua sinistra per selezionare un canale MIDI.

Questo è equivalente al parametro Channel.

La modalità SCENE hardware di MASCHINE può essere configurata per inviare MIDI (Note / Program Changes) che possono essere utilizzati per attivare scene. Quando MASCHINE viene eseguito come plug-in, questi dati MIDI vengono inviati all’applicazione host. Quando MASCHINE viene eseguito come applicazione stand-alone, questi dati MIDI vengono inviati a tutti i dispositivi di uscita MIDI attivati.

I messaggi di cambio di programma MIDI Scene Change possono essere utilizzati per registrare un’esecuzione di Scene su un’applicazione host e tutte le performance di Scene registrate possono essere salvate all’interno dell’host e inviate a MASCHINE per la riproduzione e attivare Scene nell’ordine registrato.

Invio di messaggi di cambio scena MIDI

Per abilitare o disabilitare la funzionalità MIDI Scene Change, effettuare le seguenti operazioni:

  1. Nell’intestazione MASCHINE, fare clic sull’icona a forma di ruota dentata.
  2. Fare clic su MIDI Change.

  1. Questo apre la finestra di dialogo:

Fare clic su Scena abilitata dalla finestra di dialogo.

  1. Nel sottomenu che si apre, selezionare la fonte che si desidera utilizzare per cambiare i messaggi di Program Change MIDI. Nel menu a discesa viene visualizzato un elenco di nomi dei controller collegati oppure è possibile selezionare None per disabilitare la funzionalità.
  2. Quindi dal menu a discesa selezionare MIDI Note per attivare le scene tramite note MIDI o Program Change per attivare le scene tramite messaggi MIDI Program Change.
  3. Se necessario, riaprire lo stesso sottomenu e selezionare il canale MIDI dal quale le modifiche di Scene dovrebbero ricevere messaggi MIDI da (canale 1 per impostazione predefinita).

11.2.3 Controllo dei parametri tramite MIDI e Host Automation

Puoi assegnare molti parametri delle proprietà del canale e dei plug-in situati nei vari canali (suoni, gruppi e master) del tuo progetto ai messaggi MIDI per controllarli e automatizzarli via MIDI.

Inoltre, quando MASCHINE è in esecuzione come plug-in, è possibile assegnare questi parametri agli ID di automazione per controllarli e automatizzarli tramite le tracce di automazione host nel tuo host.

In MASCHINE, l’automazione significa il controllo dei parametri MASCHINE da una sorgente esterna (MIDI o applicazione host). Le variazioni di valore sono:

  • Permanente: il nuovo valore del parametro rimane valido fino a quando non viene definito un nuovo valore (tramite MIDI / host o manualmente), anche quando la riproduzione viene ripetuta o riavviata.
  • Assoluto: il nuovo valore del parametro viene definito indipendentemente dal suo valore corrente.

Automazione vs. modulazione

Sebbene entrambi si occupino del cambio automatico dei parametri MASCHINE, l’automazione e la modulazione devono essere distinte. La seguente tabella riassume le principali differenze:

Modulazione Automazione
Fonti di controllo Interno (ad esempio, modifiche registrate tramite Auto-Write) External (ad esempio, un sequencer MIDI esterno o una traccia di automazione nel tuo host)
Durata del cambiamento Temporary (fino alla fine della clip) Permanente
Parametri destinazione Solo a livello Sound e Group A tutti i livelli (Sound, Group, e Master)
Natura del cambiamento (solo parametri continui) Relative (definisce una deviazione rispetto al valore non modulato) Absolute (definisce un nuovo valore indipendentemente dal valore non automatizzato)

Questa sezione descrive come utilizzare l’automazione in MASCHINE.

Si noti che la modulazione e l’automazione non si escludono a vicenda: è possibile modulare un parametro in MASCHINE e automatizzarlo (ad es. Dall’host) contemporaneamente! Di conseguenza, il valore del parametro devierà (secondo la modulazione registrata) dal suo valore di movimento definito dall’automazione.

Utilizzo del riquadro di automazione nell’area di assegnazione

Il controllo MIDI e host può essere configurato nel riquadro Automazione dell’area Assegnazione:

Il riquadro Automazione dell’area Assegnazione.

  1. Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso nell’angolo in basso a sinistra dell’area di controllo per visualizzare l’area di assegnazione sottostante:

  1. Nella parte sinistra dell’area Assegnazione, fai clic sulla scheda Automazione:

La scheda Automation si illumina e il riquadro Automation appare alla sua destra. Ora sei pronto per configurare l’automazione MIDI e host per i parametri nella pagina Parametro corrente.

Il riquadro Automazione contiene due schede:

  • Scheda MIDI: fare clic sulla scheda MIDI per assegnare messaggi MIDI a parametri automatizzabili. È quindi possibile controllare e automatizzare a distanza i parametri MASCHINE da qualsiasi dispositivo o software con funzionalità MIDI. I possibili messaggi MIDI sono Pitch wheel, Program Change e MIDI CC 0-127.
  • Scheda Host: fare clic sulla scheda Host per assegnare gli ID di automazione ai parametri automatici se MA-SCHINE è in esecuzione come plug-in. È quindi possibile controllare e automatizzare a distanza i parametri MASCHINE dall’applicazione host.

Sotto ciascun parametro automatico della pagina Parametro corrente, il riquadro Automazione mostra un campo Assegnazione che mostra l’assegnazione corrente per questo parametro, se presente. Se il parametro non ha ancora assegnazioni, nel campo Assegnazione si legge Learn (scheda MIDI) o Enable (scheda Host). Se il parametro non può essere automatizzato, il suo campo Assegnazione è disattivato e inattivo (vedere sotto per sapere quali parametri possono essere automatizzati).

Un’assegnazione MIDI CC per la pagina Parametro corrente.

Alcune assegnazioni di automazione host per la pagina Parametro corrente.

I paragrafi seguenti descrivono in maggior dettaglio come assegnare i controlli MIDI e gli ID di automazione dell’host ai parametri MASCHINE.

Quali parametri di MASCHINE sono automatici?

Tutti i parametri automatizzabili si trovano nei plug-in o nelle proprietà del canale (ad esempio, non è possibile automatizzare la lunghezza del pattern o il colore di una scena). Nel software in visualizzazione Mix, ciò significa che tutti i parametri automatizzabili sono presenti in alcune pagine dei parametri dell’area di controllo.

Per essere automatizzabili, i parametri dei plug-in e delle proprietà del canale devono soddisfare un singolo requisito:

  • Per essere automatizzabile, un parametro deve essere controllato da un potenziometro o un pulsante nel software – la maggior parte dei parametri controllati dai selettori (ad es. Per selezionare una modalità operativa o un tipo di filtro) non può essere automatizzata.

Quasi tutti i parametri che soddisfano questo requisito sono automatizzabili, con l’unica eccezione:

  • Plug-in:

Saturatore: in modalità Tube, il pulsante Bass Overload (sezione MAIN) e il pulsante Bypass (Sezione EQ).

Percussion (Drumsynth): in modalità Fractal, il pulsante Tune Hold nella pagina Main.

  • Proprietà del canale:

Proprietà di output di Sound e Group: il pulsante Cue nella pagina Audio.

Proprietà di input del gruppo: il potenziometro Root Note nella pagina MIDI.

Proprietà di Master’s Groove: il potenziometro Amount e l’interruttore Inverti nella pagina Swing.

Si noti inoltre che i controlli macro saranno automatici se, e solo se, i parametri che controllano sono automaticamente automatizzabili.

Assegnazione di ID di automazione host ai parametri (MASCHINE come plug-in)

  1. Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso nell’angolo in basso a sinistra dell’area di controllo per aprire l’area di assegnazione sotto.

  1. A sinistra dell’area Assegnazione, fare clic sulla scheda Automazione per visualizzare il riquadro Automazione, quindi in questo riquadro fare clic sulla scheda Host.
  2. Fare clic sull’etichetta Enable nel campo Assegnazione sotto un parametro non assegnato per assegnare automaticamente tale parametro al successivo ID automazione libero.

Il campo Assignment mostra l’ID di automazione per quel parametro. Il parametro è pronto per essere controllato dal tuo host.

Anche la rimozione di un ID di automazione è semplice:

► Fare clic sul campo Assegnazione non vuoto sotto qualsiasi parametro assegnato per rimuovere l’ID di automazione attualmente assegnato a quel parametro.

Il precedente ID di automazione viene rimosso dal campo Assignment e il parametro non è più disponibile per l’automazione host.

Assegnazione dei controlli MIDI ai parametri

L’assegnazione di un controllo MIDI a un parametro in MASCHINE viene eseguita tramite una modalità di apprendimento intuitiva:

  1. Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso nell’angolo in basso a sinistra dell’area di controllo per aprire l’area di assegnazione sotto.

  1. A sinistra dell’area, fai clic sulla scheda Automazione per visualizzare il riquadro Automazione, quindi in questo riquadro fai clic sulla scheda MIDI.

In questa scheda, i campi Assegnazione per i parametri automatici leggono Learn.

Fare clic su Apprendi nel campo Assegnazione di un parametro per accedere alla modalità di apprendimento per quel parametro.

Il campo Assegnazione mostra il Learn lampeggiante.

Spostare l’elemento di controllo desiderato (potenziometro, pulsante, ecc.) sul controller MIDI.

→ Il campo Assegnazione visualizza automaticamente il tipo di messaggio MIDI ricevuto (numero CC, PC per modifica programma o PW per Pitchbend). Il parametro è pronto per essere controllato via MIDI.

Nota che i compiti che hai creato riceveranno messaggi MIDI su tutti i canali di tutte le porte MIDI abilitate.

Se esiste già un’assegnazione MIDI per il parametro, la nuova assegnazione MIDI sostituirà la precedente. Se cambi idea e non vuoi assegnare alcun nuovo controllo MIDI mentre Learn lampeggia, fai nuovamente clic sul campo Assegnazione o premi [Esc] sulla tastiera del computer.

Se vuoi semplicemente rimuovere un’assegnazione MIDI senza registrarne una nuova, procedi come segue:

Fai clic con il pulsante destro del mouse ([Ctrl] -click su macOS) nel campo Assegnazione non vuoto sotto un parametro e seleziona Rimuovi informazioni nel menu per rimuovere l’assegnazione MIDI per quel parametro.

L’assegnazione MIDI viene rimossa dal campo Assignment e il parametro non è più controllabile via MIDI.

Naturalmente, questa procedura funziona per Native Instruments e Plug-in esterni caricati in MASCHINE.

11.2.4 Selezione dei preset plug-in VST / AU tramite MIDI Program Change

Se hai un Native Instruments o un plug-in VST / AU di terze parti caricato in un Sound, puoi cambiare i preset (o patch, programmi, ecc.) Nel tuo plug-in tramite i messaggi MIDI Program Change.

Perché ciò avvenga, il tuo plug-in deve avere i suoi preset (o un particolare set di preset) all’host. Ogni strumento o effetto VST / AU potrebbe gestire i suoi preset (o patch, programmi …) in modo diverso. Fare riferimento alla documentazione del plug-in per sapere come rendere disponibili le preimpostazioni sull’host.

Gli strumenti Native o il plug-in VST / AU di terze parti ascolteranno i messaggi di Program Change in base alle impostazioni Source e Channel definite nella pagina MIDI delle proprietà Input per il rispettivo suono.

11.2.5 Invio di MIDI da suoni

I Suoni possono inviare note MIDI e dati di automazione al mondo esterno, consentendo di controllare qualsiasi applicazione MIDI e / o un dispositivo MIDI esterno dal sequencer di MASCHINE.

Con la sua uscita MIDI abilitata, un suono invierà:

  • Note MIDI corrispondenti alle note suonate da quel suono nel Pattern corrente.
  • Note MIDI corrispondenti ai tuoi colpi sui pad.
  • Tutti gli eventi delle tracce MIDI che potresti aver creato nel riquadro MIDI Automation della Control Lane, nella parte inferiore dell’Editor di pattern.

L’uscita MIDI di Sounds è configurata sulla pagina MIDI delle proprietà Output per i suoni.

La pagina MIDI delle proprietà di uscita per un suono nel software.

La pagina MIDI delle proprietà di uscita per un suono sul controller.

Controllo Descrizione
Sezione MIDI
Dest. Seleziona la porta MIDI su cui il suono invierà i dati MIDI.

Se MASCHINE è in esecuzione in modalità standalone, le voci disponibili sono None (uscita MIDI disabilitata, impostazione predefinita), ogni porta di uscita MIDI abilitata, così come qualsiasi suono nello stesso gruppo contenente un plug-in che può ricevere MIDI (plug multitimbrico -in). Controlla la pagina MIDI del pannello delle preferenze per abilitare le porte di uscita MIDI desiderate sulle tue interfacce MIDI.

Se MASCHINE è in esecuzione come plug-in in un’applicazione host, le voci per le porte di output MIDI abilitate sono None (uscita MIDI disabilitata, impostazione predefinita) e Host. Se Host è selezionato, MASCHINE inoltra i dati MIDI dal Sound all’applicazione host. Questo ti consente in particolare di registrare ciò che suoni sui pad come file MIDI nel tuo host, ad es. Per ulteriori modifiche, controllo di altri strumenti, ecc.

Channel Seleziona il canale MIDI su cui il suono invierà i dati MIDI. Per impostazione predefinita, lo slot audio 1 invierà i dati MIDI sul canale 1, sullo slot audio 2 sul canale 2 e così via.
Transpose Applica un offset ai numeri di nota MIDI prima che le note vengano inviate. I valori vanno da -48 (trasposizione verso il basso di 48 semitoni, cioè quattro ottave) a +48 (trasposizione verso l’alto di 48 semitoni, cioè quattro ottave). Il valore predefinito è 0.

Puoi anche configurare facilmente l’uscita MIDI dei tuoi suoni in Mixer di MASCHINE:

  1. Fai clic sul pulsante Mix View sulla sinistra dell’Arranger per passare dalla vista Disponi alla vista Mix:

  1. Apri la vista estesa del Mixer facendo clic sulla freccia rivolta verso il basso sulla sinistra del Mixer:

  1. Verificare che il pulsante IO sia attivo a sinistra del Mixer; in caso contrario, fare clic su di esso per abilitarlo e visualizzare le impostazioni di ingresso / uscita di ciascuna striscia di canale.
  2. Se il Mixer visualizza attualmente i canali Group, nella riga superiore del Mixer fare doppio clic sull’intestazione del Gruppo contenente il Sound che si desidera configurare. Se il Mixer visualizza attualmente i canali audio, fai clic sull’intestazione del gruppo desiderato.

Il mixer visualizza le strisce canale di tutti i suoni nel gruppo selezionato.

  1. Nella parte inferiore della striscia di canale del suono che si desidera configurare, fare clic sul campo più grande a sinistra e selezionare la porta MIDI desiderata nel menu.

Questo è equivalente all’impostazione di Dest. parametro descritto sopra.

  1. Fare clic sul piccolo campo alla sua destra per selezionare un canale MIDI.

Questo è equivalente al parametro Channel descritto sopra.

11.3 Creazione di set personalizzati di parametri con i controlli macro

I controlli macro consentono di controllare in una stessa posizione una selezione di parametri provenienti da fonti diverse. Disponibili in tutti i canali (suoni, gruppi e master), i Macro Control sono molto utili per la riproduzione dal momento che è possibile scegliere un set di parametri da varie fonti da manipolare su uno schermo senza dover passare da uno schermo all’altro.

I controlli macro sono disponibili nelle proprietà Macro.

Le proprietà Macro (qui per un suono) nel software.

Le proprietà Macro (qui per un suono) sul controller.

11.3.1 Panoramica sul controllo macro

Ogni controllo macro può essere assegnato a una destinazione con l’intera gamma del parametro selezionato. D’altra parte, lo stesso parametro può essere la destinazione di più di un Macro Control.

Per sapere quali parametri puoi assegnare a un Controllo macro, considera questa singola regola:

  • Un controllo macro di un canale può controllare qualsiasi parametro situato nelle proprietà o plug-in di quel canale o di qualsiasi canale sottostante. In altre parole:

Per i suoni: è possibile assegnare i controlli macro di un suono a qualsiasi parametro nelle sue proprietà o plug-in. È anche possibile assegnare messaggi MIDI Control Change, Pitchbend e Program Changes a Macro Controls per controllare dispositivi MIDI esterni.

Per i gruppi: è possibile assegnare i controlli macro di un gruppo a qualsiasi parametro nelle sue proprietà o plug-in, nonché qualsiasi parametro in qualsiasi suono all’interno del gruppo.

Per il master: è possibile assegnare i controlli macro a qualsiasi parametro trovato nelle proprietà o plug-in di qualsiasi canale nel proprio progetto.

Controllo Macro scorciatoia sul controller

Sul tuo controller, un pulsante dedicato ti consente di accedere rapidamente ai controlli Macro in qualsiasi momento:

Premere MACRO per passare direttamente ai controlli macro del canale focalizzato (suono, gruppo o master).

11.3.2 Assegnazione dei controlli macro utilizzando il software

I controlli macro possono essere assegnati in due modi diversi. Il modo più semplice e veloce consiste nel creare un controllo macro direttamente da un parametro. L’altro metodo più elaborato consiste nell’utilizzare il riquadro Pagine nell’area di assegnazione.

Assegnazione dei controlli macro dai parametri

L’assegnazione di un parametro come macro da un canale o proprietà plug-in è semplice e veloce. Puoi semplicemente fare clic con il pulsante destro del mouse ([Ctrl] -click su macOS) sul nome di un parametro e selezionare il livello Macro a cui vuoi assegnarlo.

Per assegnare un controllo macro direttamente da un parametro:

  1. Selezionare l’icona Canale o Plug-in in base a dove si trova il parametro che si desidera assegnare.
  2. Selezionare il livello in cui si trova il parametro, questo può essere sul livello MASTER, GROUP o SOUND.
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse ([Ctrl] -click su macOS) sul nome del parametro (il testo sotto il potenziometro, l’interruttore o il menu) che si desidera assegnare e selezionare Crea macro master, Crea macro di gruppo o Crea macro audio in base alle opzioni disponibili ea quale livello si desidera assegnare il parametro come controllo macro.

Il parametro è assegnato come Macro e puoi vedere le tue assegnazioni selezionando Macro nelle proprietà del canale e selezionando il livello Macro (MASTER, GROUP o SOUND) a cui hai assegnato il controllo Macro.

  1. Per rimuovere una macro, fare nuovamente clic con il tasto destro del mouse sul parametro e selezionare Rimuovi macro.

→ La macro selezionata viene rimossa.

Assegnazione dei controlli macro utilizzando il riquadro Pagine

L’assegnazione dei controlli macro viene eseguita nel riquadro Pagine dell’area Assegnazione quando sono selezionate le proprietà Macro. La procedura è simile alla procedura utilizzata quando si assegnano i parametri dei plug-in VST / AU alle pagine dei parametri in MASCHINE.

Apertura del riquadro delle pagine nell’area di assegnazione

Prima di tutto, devi aprire il pannello Pagine dell’area Assegnazione per le proprietà Macro. Per fare questo:

  1. Selezionare le proprietà Macro del canale desiderato (Suono, Gruppo o Master).
  2. Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso nell’angolo in basso a sinistra dell’area di controllo per visualizzare l’area di assegnazione sottostante:

  1. Fai clic sulla scheda Pagine nella parte sinistra dell’area Assegnazione:

La scheda Pagine si illumina e il riquadro Pagine appare alla sua destra. Ora sei pronto per assegnare i Macro Control ai parametri.

Quando il riquadro Pagine dell’area Assegnazione è aperto, si notano anche alcune modifiche nell’area di controllo in alto.

L’area di controllo con Proprietà macro visualizzata e il pannello Pagine attiva nell’area di assegnazione sottostante.

(1) Pulsante Elimina pagina (simbolo “x”): Fare clic sulla piccola “x” dopo il nome di una pagina per eliminare questa pagina del parametro.

(2) Pulsante Aggiungi pagina (simbolo “+”): Fare clic sul piccolo “+” dopo l’ultima etichetta della pagina per aggiungere una nuova pagina. Per impostazione predefinita, le pagine sono etichettate “Pagina 1”, “Pagina 2”, ecc. È possibile modificare le etichette delle pagine definendo le sezioni all’interno delle proprie pagine tramite i campi Etichetta sezione (3).

(3) Campi Etichetta sezione: questi campi consentono di definire sezioni di parametri all’interno della pagina visualizzata. Fare doppio clic sul campo sopra il primo parametro che si desidera includere nella sezione, digitare il nome desiderato per la sezione e premere [Enter] per confermare. La nuova sezione includerà tutti i seguenti parametri fino all’inizio della sezione successiva (ciò può essere visto solo dopo aver chiuso l’area di assegnazione). Inoltre, la pagina Parameter rispecchierà l’etichetta (o le etichette) della sua sezione (s) – se ci sono più di una sezione, l’etichetta della pagina le rispecchierà tutte, separate da barre.

(4) Pulsante di ripristino: fare clic su Ripristina per rimuovere l’assegnazione del controllo Macro per la manopola selezionata.

(5) Campi etichetta parametri: fare doppio clic su questi campi per inserire etichette personalizzate per i parametri (premere [Invio] per confermare). Queste etichette verranno replicate ovunque in MASCHINE per i parametri corrispondenti.

(6) Cornice messa a fuoco: indica il controllo macro assegnato. Fare clic su qualsiasi controllo macro per visualizzare e modificare il relativo compito nel selettore di destinazione sottostante (4).

(7) Selettore target: visualizza e seleziona il parametro target del controllo macro selezionato indicato dal riquadro Focus (5). Questo widget a discesa multi-livello consente di navigare rapidamente attraverso la struttura del canale fino al parametro desiderato. La procedura dettagliata è spiegata nel prossimo paragrafo.

Selezione di un parametro nel selettore della destinazione

Il selettore Target (vedi immagine sopra) ti permette di scegliere tra tutti i parametri disponibili per ogni Macro Control.

Il selettore Target ti consente di selezionare rapidamente il parametro desiderato.

Questo strumento è simile a un menu contenente diversi livelli di sottomenu, con la notevole differenza che ogni selezione intermedia rimane visibile per una commutazione più rapida.

Quando si assegna un nuovo controllo macro non assegnato, effettuare le seguenti operazioni:

  1. Fare clic sul menu Seleziona (per ora l’unico menu del selettore Target).

Il menu è organizzato in sottocategorie: Impostazioni (elencando le proprietà del canale corrente), Slot (elencando i plug-in caricati nel canale corrente) e possibilmente una terza categoria che elenca i canali inclusi al livello successivo: se stai modificando la Macro corretta del Master vedrai la sottocategoria Gruppi che elenca tutti i Gruppi del tuo Progetto, e se stai modificando i Macro di un Gruppo vedrai la sottocategoria Suoni che elenca tutti i Suoni in quel Gruppo, e se stai modificando le proprietà Macro di un Suono vedrete la voce di menu MIDI che alla selezione elenca tutti i messaggi Control Change disponibili che possono essere assegnati a un controllo macro.

Alla tua selezione nel menu precedente, il menu prende il nome della tua selezione, e un altro menu potrebbe apparire sulla destra che ti consente di affinare la ricerca (ad esempio, elencando tutte le pagine dei parametri del plug-in selezionato o delle proprietà del canale). Questo continua fino a quando viene raggiunto un parametro e lo si seleziona.

→ Alla selezione di un parametro, il Macro Control viene assegnato a questo parametro.

Nota che l’intero percorso di questo parametro rimane visibile nel selettore Target: questo ti consente di modificare una singola selezione senza partire dal canale più in alto e passando di nuovo attraverso tutto il processo di selezione:

► Per modificare un particolare elemento nella selezione mostrata dal selettore Target, esegui il click su di esso e seleziona un altro oggetto per quel livello.

→ Le voci a sinistra dell’elemento selezionato (ad esempio a un livello superiore) rimangono invariate, mentre gli elementi alla sua destra (cioè a un livello inferiore) vengono ripristinati.

Macro Assignment – Menu contestuale

Quando l’area Assegnazione è aperta e la scheda Pagine è selezionata, fare clic con il pulsante destro del mouse su uno slot Macro assegnato o non assegnato per accedere al menu di scelta rapida.

Il menu di scelta rapida delle proprietà Macro.

Il menu di scelta rapida contiene i seguenti elementi:

Oggetto Menu Descrizione Scorciatoie da tastiera
Rename Rinomina la Macro. Ctrl + R / Cmd + R
Reset Resetta la Macro.
Cut Taglia la Macro per incollarlo in un’altra posizione. Ctrl + X / Cmd + X
Copy Copia la Macro. Ctrl + C / Cmd + C
Paste Incolla una Macro tagliata o incollata in una nuova posizione. Ctrl + V / Cmd + V

Assegnazione Area Pages – Menu contestuale

Quando l’Area assegnazione è aperta e la scheda Pagine è selezionata, fare clic con il tasto destro su una Pagina per aprire un menu contestuale.

Il menu di scelta rapida Pagine di assegnazione dell’area di controllo.

Il menu di scelta rapida contiene i seguenti elementi:

Oggetto Menu Descrizione Scorciatoie da tastiera
Delete Cancella la Pagina corrente con tutte le assegnazioni.
Clear All Cancella tutte le assegnazioni e cancella tutte le pagine.

11.3.3 Assegnazione dei controlli macro utilizzando il controller

Assegnare e annullare l’assegnazione di parametri come Macro dal canale o Proprietà plug-in usando il controller è semplice e veloce.

Assegnazione di una macro mediante il controller

Per assegnare un controllo macro direttamente da un parametro usando il controller:

  1. Selezionare CANALE o PLUG-IN a seconda di dove si trova il parametro che si desidera assegnare.
  2. Selezionare il livello in cui si trova il parametro, questo può essere sul livello MASTER, GROUP o SOUND.
  3. Premere SHIFT + MACRO (Set) e toccare il potenziometro sotto il parametro che si desidera assegnare.

Il parametro è assegnato come una Macro e una piccola icona apparirà accanto al nome del parametro.

È possibile visualizzare le assegnazioni delle Macro per ciascun livello premendo il pulsante MACRO sul controller e selezionando il livello Macro (MASTER, GROUP o SOUND).

Annullamento dell’assegnazione di una macro mediante il controller

Per annullare l’assegnazione di un parametro dai controlli macro:

  1. Selezionare l’icona Canale o Plug-in in base a dove si trova il parametro che si desidera annullare l’assegnazione.
  2. Selezionare il livello in cui si trova il parametro, questo può essere sul livello MASTER, GROUP o SOUND.
  3. Immettere la modalità Imposta Macro premendo SHIFT + MACRO (Imposta).
  4. Basta toccare il potenziometro del parametro assegnato per rimuoverla dai controlli macro.

→ L’icona accanto al nome del parametro viene rimossa e il parametro non è assegnato.

Etichettato ,
error: Mi spiace. Se vuoi una copia pdf della dispensa richiedila via email