PX7 – Rack Extension per Reason – Mannuale utente

Condividi

La RE PX7 è un sintetizzatore FM clone del classico sintetizzatore FM giapponese degli anni ottanta. Il PX7 dispone di sei oscillatori sinewave – od operatori – che vengono utilizzati per generare un suono, o per la frequenza che va a modulare l’altro operatore.

PX7 è stato progettato per offrire tutte le vaste possibilità sonore dell’ “originale” ma con un ‘interfaccia utente molto più semplice del pannello. Tutti i parametri corrispondono esattamente a quelli nello strumento originale, il che rende possibile ricreare tutte i suoni famosi . PX7 offre anche alcuni macri controlli aggiuntivi che rendono più facile la personalizzazione dei present.

Alcune parole sulla sintesi FM

PX7 utilizza la sintesi di modulazione di frequenza (FM) sintesi per generare suoni.

Fondamentalmente, la sintesi FM è ottenuta lasciando che scillatori sinewave modulino la frequenza di altri in varie configurazioni (algoritmi) degli altri – a vari livelli e rates. Il risultato sonoro della sintesi FM può variare notevolmente, dai suoni di campana-caldi a rumori strani – e tutto il resto! Una differenza significativa, rispetto alla sintesi sottrattiva analogica, è l’assenza di filtri. Invece di rimuovere ed attenuare le frequenze utilizzando filtri, gli armonici sono generati aumentando la quantità di modulazione di frequenza. Ecco perché non troverete alcun filtro nel PX7.

Lo scopo di questo manuale non è quello di provare e descrivere la sintesi FM in dettaglio. Se volete sapere di più su FM sintesi, si prega di fare una ricerca su Google su Internet. Ci sono tonnellate di articoli interessanti e risorse che descrivono la sintesi FM ed i sintetizzatori classici FM giapponesi

Picture 6Usare il PX7

Caricare e salvare le patch

Caricare e salvare le patches è fatto nella stessa maniera degli altri moduli interni di Reason/Reason Essentials .

Usare i controlli macro per variare i suoni

Se si vuole iniziare con il PX7 senza sapere da dove cominciare, ecco un modo rapido:

  1. Carica un factory preset
  2. Muovi gli sliders Brightness, Touch, Attack and Decay

Questi sliders controllano set completi di parametri acome delle vere “macro”. Ciò significa che si otterranno grandi cambiamenti del suono semplicemente spostando uno slider. Si noti che gli sliders sono bipolari, con lo zero (nessun cambiamento) nelle posizioni centrali.

  • Lo slider Brightness influisce su tutti i livelli di modulazione di frequenza, causando il cambiamento del timbro.

Un valore positivo rende il suono più brillante ed un valore negativo rende il suono sottomesso.

  • Lo slider Touch controlla la velocity della tastiera che a sua volta controlla Brightness.

I valori più alti rendono il suon più reattivo.

  • Lo slider Attack controlla tutti i parametri EG Rate1 , effettivamente lavora come un parametro Attack in un regolare generatore di inviluppo ADSR.
  • Lo slider controlla tutti i parametri EG Rate 2 e 3 di Decay, effettivamente lavora come un parametro come in un regolare generatore di inviluppo ADSR.

Controlli Globali di “play”

Bend

La rotella di pitch bend può essere usata per “tirare” il pitch delle note su e giù. PX7 risponde anche ai dati di Pitch Bend MIDI da una tastiera MIDI connessa. Puoi impostare il desiderato intervallo per il Pitch Bend.

Mod wheel

La Mod Wheel può essere usata per controllare la quantità di modulazione del LFO del pitch e/o amplitude. PX7 risponde anche ai dati di ModWheel MIDI da una tastiera connessa. Puoi impostare al quantità della modulazione del pitch del LFO con il potenziometro Pitch Mod Sensitivity e la quantità di ampiezza di modulazione con i potenziometri LFO Sens( individualmente per ogni operatore).

Note On LED

Questo Led si illumina appena il PX7 riceve dati di note MIDI.

Bend Range

Imposta l’intervallo di Pitch Bend per la wheel Bend con i pulsanti su/giù. Intervallo : +/-12 semitoni in steps di +/-1 semitono.

Transpose

Clicca i pulsanti su e giù per trasporre il pitch globale su o giù.

Mono

Clicca per suonare il PX7 in modalità monofonica

Legato

Legato funziona solo nella modatita Mono. La funzione legato lavora come segue:

Tieni premuto un tasto e poi premine un altro senza lasciare il precedente.

Si noti che i cambiamenti di tonalità avviene, ma gli inviluppi le buste non ricominciano. Cioè, non vi sarà nessun nuovo stage di “attack”.

Portamento

Portamento funziona solo in modalità Mono con o senza il Legato.

  • In modalità Mono senza Legato, il pitch passerà tra le due note consecutive, nel tempo impostato con il potenziometro Portamento.
  • In modalità Mono con il Legato on , il pitch passerà tra le due note consecutive solo quando suoni legato.

Se rilasci il tasto precedente prima di premere il nuovo tasto, non ci sarà nessun effetto di portamento.

Controlli Algoritmo

Il PX7 dispone di sei operatori (oscillatori sinewave). A seconda se un operatore funziona come generatore di suoni (Carrier) o modulatore, la funzionalità è molto diversa. Se un operatore deve funzionare come generatore sonoro o modulatore è determinata dal selettore Algoritmo nell’angolo in basso a destra della PX7.

Algorithm

Un algoritmo è fondamentalmente uno schema di collegamento tra operatori che definisce come i sei oscillatori sinewave sono interconnessi. L’operatore può essere collegato ed utilizzato come generatore di suoni (carrier) o come modulatore. Nel PX7 un carrier è segnalato graficamente con uno sfondo scuro riempito ed un modulatore con sfondo scuro e riquadro. I carrier vengono sempre inviati direttamente all’uscita nei diagrammi. L’immagine qui sotto mostra il principio di collegamento nell’algoritmo 22 come esempio:

Gli operatori 1.3.4 e 5 sono carriers. Essi sono connessi direttamente alle uscite audio.

Gli operatori 2 e 6 sono modulatori.

La frequenza dell’ operatore 2 modula l’operatore 1.

L’Operatore 6 ha un loop di feedback e la frequenza modula gli Operatori 3,4 e 5.

Si noti che anche se l’Operatore 6 è visualizzato con tre connessioni di uscita separate, è lo stesso segnale di modulazione in tute e le tre uscite.

Connessioni nel algoritmo 22

Picture 7 PX7 ha gli stessi 32 algoritmi del synth FM giapponese classico. Segue il diagramma dei 32 differenti algoritmi del PX7:

Seleziona l’algoritmo desiderato cliccando sui pulsanti su/giù.

Un diagramma dell’algoritmo selezionato è visualizzato sopra il selettore di algoritmo.

Op Feedback

In aggiunta al selettore di Algoritmo cè il potenziometro di Op. Feedback. Tutti gli algoritmi hanno un operatore con una connessione di feedback ( segnale inviato indietro all’ingresso dell’operatore), il potenziometro Op Feedback ilmpostano la quantità di feedback. Intervallo: 0-7

  • Aumentando il livello di feedback Op produrrà un suono più brillante, con più sfumature.
  • Se più operatori sono utilizzati per la generazione del segnale di retroazione, il risultato sarà segnali più complessi – e in alcuni casi rumore.

Controlli Operatore

Il PX7 ha 6 operatori identici ( oscillatori sinewave) che sono costruiti tutti allo stesso modo, con gli stessi controlli. Qui descriviamo i controlli di un operatore.

Picture 8

On/Off

Clicca per attivare/disattivare l’operatore.

Fixed

Clicca il pulsante fixed per dare una frequenza fissa dall’operatore e non quello che la tastiera suonerà.

Questo è molto utile quando quando stai usando algoritmi dove operatori sono usati come un modulatore.

Coarse

Ruota il potenziometro Coarse per impostare la coare di intonazione dell’operatore.

Se il pulsante Fixed è impostato su Off, il display visualizza la ratio del pitch (parziale), dove 1.0 è il pitch nominale. 0.5 è un’ottava in giù, 2.0 è un’ottava in su, 3.0 è tre volte il pitch nominale fino ad 31.0 volte il pitch nominale.

Se il pulsante Fixed è on, il potenziometro Coarse imposta la frequenza di base dell’operatore a 1,10,100, o 1000 Hz.

Fine

Ruota il potenziometro Fine per accordare in maniera fine l’operatore.

Se il pulsante Fixed è su off, il valore del display visualizza il valore secondo la formula: Coarse * (1+Fine/100).

Se il pulsante Fixed è su on, il potenziometro Fine imposta la frequenza dell’operatore tra 1 a 9772 volte le impostazioni correnti della frequenza di Coarse. Intervallo: 0-99.

Detune

Ruota il potenziometro Detune per scordare l’operatore.

Il pitch dell’operatore può essere detuned anche in passi più piccoli che con il potenziometro Fine.

Velo Sens

Ruota il potenziometro Velo Sens per impostare la sensibilità dell’amplitude dell’operatore alla velocity della tastiera MIDI.

LFO Sens

Ruotando il potenziometro LFO Sens si imposta la sensibilità dell’operatore alla modulazione di ampiezza del LFO quando usi la Mod wheel.

Pan

Imposta la posizione dell’operatore nel panorama stereo delle uscite L/R con il potenziometro Pan.

Questo ha solo effetto quando usi un algoritmo dove l’operatore è inviato come carrier, cioè non come modulatore.

Nota che la funzione Pan non è disponibile sul synth FM Giapponese originale.

Envelope Generators (EG)

Picture 9 Intervallo: +/ 7 steps

I generatori di inviluppo degli operatore possono influenzare il suono in due modi molto diversi :

  • Se l’operatore è un carrier in dell’algoritmo selezionato , cioè instradato direttamente all’uscita , l’inviluppo influisce ampiezza del suono .
  • Se l’operatore è un modulatore nell’algoritmo , ossia modula un altro operatore , l’inviluppo influenza il timbrodel suono .

I generatori di inviluppo in PX7 sono di un tipo speciale , chiamato Level & Rate. In contrapposizione al tradizionale inviluppo analogico Attack- Decay – Sustain – Release, questo tipo utilizza un certo numero di livelli con diversi Rates. In pratica questo significa che a Rates a valore basso renderanno cambiamenti di livello Livello lenti e valori di Rates alti si tradurranno in una rapida variazioni di livello, vale a dire il contrario rispetto ai parametri Attack, Decay e Release in ADSR tradizionale generatori di inviluppo.

Per rendere il controllo dell’inviluppo più intuitivo per coloro che hanno familiarità con inviluppi ADSR, abbiamo deciso di rendere gli sliders di Rates simili ad uno tradizionale, i parametri R e D, vale a dire che i rates più alti (tempi più brevi) vengono raggiunti quando lo sliders è i cursori sono posizionati in fondo.

Un’altra cosa da tenere a mente è che, anche con la stessa frequenza, l’inviluppo avrà bisogno di più tempo per passare da piccole variazioni a grandi variazioni. Se due livelli adiacenti sono uguali, il valore di Rate tra questi livelli non esiste. La figura stampata sul pannello frontale mostra i vari livelli e rates dei singoli stages:

Picture 10

Gli stages dell’inviluppo stampati sul pannello frontale

Qui è come il generatore di inviluppo lavora:

  • Quando premi un tasto sulla tastiera, il livello dal livello L4 al livello L1 al Rate R1.
  • Quando il Livello L1 è raggiunto, il livello inizia a cambiare al valore L2 al rate R2
  • Quando il Livello L1 è raggiunto, il livello inizia a cambiare al valore L3 al rate R3
  • Il valore L3 è poi mantenuto per il tempo che mantieni premuto il tasto.

Il livello L3 corrisponde al livello di Sustain in un inviluppo Standard ADSR

  • Quando rilaci il tasto, il livello cambia al valore L4 al Rate R4.

Nota che il Livello L4 non deve essere necessariamente essere 0, in alcuni casi il livello L4 potrebbe essere sostenuto all’infinito. Questo è normalmente usato solo se l’operatore è il modulatore di un algoritmo.

Keyboard Rate Scaling

Con il parametro Keyboard Rate Scaling puoi definire come il decay per ogni generatore d’inviluppo dell’operatore dovrebbe essere colpito dipendendo da dove la tastiera viene suonata.

  • Con il potenziometro Rate impostato a 0, il decay è lo stesso in tutta la tastiera.
  • Alti valori di Rate hanno come risultato in lunghi decays nelle note basse e corti decays nelle note alte.

Intervallo : 0-7

Keyboard Level Scaling

Il livello di Keyboard scaling è un’altra caratteristica speciale dei sintetizzatori FM classici. Se preferisci, puoi comparare questo alla funzione “Keyboard Tracking” f che puoi trovare in altri sintetizzatori.

Dal momento che il timbro dei suoni modulati di frequenza può variare molto a seconda di dove la tastiera viene suonata, è necessario essere in grado di scalare la quantità di modulazione del generatore di inviluppo in modo diverso lungo la tastiera –in particolare per gli operatori che lavorano come modulatori del algoritmo. La figura seguente mostra il principio:

  • B.P.

Il parametro B.P. (Breakpoint) è usato per definire il tasto centrale sulla tastiera. Sulle due parti del breakpoint (a sinistra e destra) puoi avere differenti curve e depths. Intervallo:A-1 a C8

  • Depth

I parametri Depht definiscono la quantità di scaling e può essere impostato in maniera differente per le curve di sinistra e destra del tasto di Breakpoint. Intervallo 0-99

  • Curve

Una dei quattro tipi differenti di curva può essere selezionato per le curve sinitra e destra rispettivamente; -LIN, -EXP, +EXP e +LIN.

Picture 11 La figura seguente visualizza tre esempi differenti di impostazioni di (B.P.), Depth and Curve:

Level

Imposta il livello d’uscita dell’operatore

  • Se l’operatore è un carrier nell’algoritmo selezionato, il potenziometro Level controlls il volume d’uscita.
  • Se l’operatore è un modulatore nell’algoritmo selezionato, il potenziometro Level controlla la quantità di modulazione.

Controlli di Modulazione Globale

Nella parte inferiore del pannello anteriore cisono due sezioni di modulazione che vengono utilizzati per il controllo di tutti gli operatori a livello globale.

OP Key Sync

Clicca il pulsante Op Key Sync Led per forzare le sinewave di tutti gli operatori a partire in phase con gli altri ( a 0 gradi) quando suoni una nota sulla tastiera.

Se key Sync è su Off, ci saranno piccole variazioni di timbro, anche se si suona la stessa nota esattamente allo stesso modo.

Pitch Mod Sensitivity

Imposta la sensibilità della modulazione del pitch per tutti gli operatori per quando usi la Mod Wheel.

LFO

PX7 ha un LFO che può essere assegnato per modulare il pitch è l’amplitude. Ci sono sei forme d’onda differenti tra cui scegliere: Triangle, Saw Down, Saw Up, Square, Sine e Sample&Hold.

Clicca il pulsante Tempo Sync LED per sincronizzare LFO al tempo del sequencer di Reason/Reason Essentials.

Clicca il pulsante Poly Led per avere un LFO separato per voce.

In modalità Poly off tutti gli LFO sono sincronizzati agli altri, effettivamente lavorando come un singolo LFO su tutte le voci.

Clicca il pulsante Key Sync Led per far ripartire LFO quando premi un tasto sulla tastiera.

In modalità Key Sync Off. LFO inizia in una posizione random del ciclo LFO

Imposta il rate del LFO con il potenziometro Speed.

Con il potenziometro Delay imposti il tempo che impiega LFO ad applicare la modulazione dopo che hai premuto un tasto.

Seleziona la forma d’onda del LFO cliccando i pulsanti su/giù sopra il display.

Imposta la profondità della modulazione di pitch desiderata con il potenziometro LFO to Pitch.

Questo controllo è indipendente dal controllo ModWheel.

Imposta la profondità della modulazione del amplitude desiderata con il potenziometro LFO to Amp.

Questo controllo è indipendente dal controllo ModWheel.

Pitch Envelope

Il Pitch Envelope Globale può essere usato per modulare il pitches di tutti gli operatori. L’inviluppo della modulazione del Pitch è globale per tutti gli operatori.

Come tutti gli altri generatori di inviluppo nel PX7, il Pitch Envelope è del tipo Level & Rate. Una differenza è che il livelli sono bipolari relativamente al pithc norminale. Il pitch nominale è raggiunto quando gli sliders sono nella loro posizione centrale. La gamma dei parametri di livello è +/- 4 ottave.

Alti valori di Rates ( tempi corti) sono raggiunti quando gli sliders Rate sono completamente in basso.

La figura seguente visualizza il principio di Pitch Envelope:

Il pitch envelope Generator Principale

  • Quando premi un tasto sulla tastiera, il pitch dal livello L4 al livello L1 al Rate R1.
  • Quando il valore L 1 è raggiunto, il pitch inizia a cambiare al valore L2 al rate R2
  • Quando il valore L 2 è raggiunto, il pitch inizia a cambiare al valore L3 al rate R3
  • Il valore L3 è poi mantenuto per il tempo che mantieni premuto il tasto.

Il livello L3 corrisponde al livello di Sustain in un inviluppo Standard ADSR

  • Quando rilasci il tasto, il livello cambia al valore L4 al Rate R4.

Nota che il valore L4 non deve essere necessariamente essere 0, in alcuni casi il valore L4 potrebbe variare il pitch nominale.

Connessioni

Picture 12Ricorda che le connessioni CV non sono memorizzate con la patch del PX7.

Sequencer Control In

Gli ingressi CV e Gate Sequencer di controllo consentono di suonare PX7 da un altro dispositivo CV / Gate (tipicamente un Matrix o un RPG-8). Il segnale all’ingresso CV controlla il pitch nota, mentre il segnale all’ingresso Gate porta il dato di note on / off con velocity. Ci sono anche gli ingressi per modulare i parametri Pitch Bend e ModWheel.

Modulation In

Questi ingressi di Control Voltage (CV) con associati potenziometri di trim, possono modulare i macro-controlli Brightness, Touch, Attack e Decay.

Operator Amplitude Modulation Input

L’amplitudes degli operatori da 1 a 6 possono essere modulate individualmente da una fonte esterna ci CV.

Audio Out

Queste sono le uscite principali. Quando crei un modulo PX7, queste uscite sono autoconnesse ai primi canali liberi del mixer principale in Reason/Reason Essentials.

Etichettato ,
error: Mi spiace. Se vuoi una copia pdf della dispensa richiedila via email