Reaper 6 – Installazione e guida introduttiva – Manuale utente

Condividi

Download di REAPER

Per scaricare REAPER, visita la pagina di download http://www.cockos.com/reaper/download.php. Segui le informazioni sullo schermo attentamente (soprattutto per l’impostazione 32 bit e 64 bit) e assicurarsi di selezionare la versione corretta per il tuo computer. Se usa il programma per più di 60 giorni, è necessario acquistare una licenza. Puoi comprare la tua licenza di REAPER, su http://www.cockos.com/reaper/purchase.php

Dopo il download è necessario installare il programma. Ci sono differenze nel processo di installazione per OS X (Mac) e per Windows (PC).

1.2 Installazione di REAPER su un Mac OS X.

Per installare REAPER su un Mac (OS X) seguire questa procedura.

  1. Fare doppio clic sul file immagine disco REAPER (.dmg) su aprilo.
  2. Se si accettano le condizioni di licenza, fare clic su Accetta di aprire questo file.
  3. Trascina e rilascia l’icona REAPER (mostrata a destra) nella tua Cartella Applicazioni
  4. Se vuoi installare anche ReaMote, trascina anche questa icona nella cartella Applicazioni. Se scegli di non farlo lo potrai fare in un secondo momento.

Per bloccare REAPER sul dock, è sufficiente trascinare e rilasciare l’icona di REAPER dalla cartella Applicazioni sul Dock. Noi consigliamo vivamente di andare anche, sotto Sistema-Preferenze, per assicurati che il tuo mouse abbia il tasto destro abilitato come pulsante secondario.

Installazione di REAPER su un PC Windows

Per installare REAPER su un PC con Windows dovresti seguire questa sequenza:

  1. In Esplora risorse, trova il file di installazione. Il file include nel nome la corrente numero di versione, ad es.reaper50-install.exe.
  2. Fare doppio clic su questo file ed avviare il programma di installazione.
  3. Fare clic sul pulsante Accetto per accettare le condizioni e continua.
  4. Per un’installazione normale, accettare la cartella predefinita offerta (ma vedi nota sotto) – per esempio, C: \ ProgramFiles \ REAPER.
  5. Se necessario, abilitare l’Opzione di installazione portatabile (vedi nota sotto), quindi fare clic su Avanti.
  6. Selezionare gli elementi che si desidera installare (in caso di dubbio accettare le impostazioni predefinite – vedere anche la sezione 1.4 sotto) e fare clic su Installa.
  7. Attendere mentre il programma viene installato. Quando richiesto, fare clic su Chiudi per chiudere il programma di installazione. Ti verrà chiesto se si desidera eseguire il programma ora: in questo caso, scegliere No.

Nota: se si installa REAPER per la prima volta o se si desidera sostituire una versione precedente di REAPER, si dovrebbe accettare la cartella di destinazione predefinita e non abilitare l’installazione portabile. Se desideri installare questo insieme a una precedente versione 5.xx precedente, cambia la directory predefinita (ad es. \ REAPER5) e abilita installazione portabile. Ciò garantirà che le impostazioni e le preferenze precedenti di 5.xx vengano conservate separatamente.

Suggerimento: se scegli di non installare alcun elemento o opzioni del programma REAPER, puoi in seguito cambiare idea semplicemente eseguendo di nuovo il programma di installazione.

Le opzioni di installazione (solo Windows)

La schermata di installazione vi dà la possibilità di decidere quali elementi installare e quali no. Qui di seguito un riepilogo delle opzioni principali. Per l’impostazione predefinita, la maggior parte di loro vengono abilitati.

Oggetto Spiegazione
Required files Questi sono files di cui REAPER ha bisogno pe rpoter funzionare. Non hai scelta e li devi installare
Optional Functionality JSFX library. Questa è una collezione molto grande di effetti audio (choruses, filters, limiters, etc.) e MIDI (sequencers, arpeggiator, chorderizer, etc.) che possono essere usati con le tue tracce ed oggetti media. È raccomandata l’installazione.

VST/x64 VST bridging/firewalling. Queste opzioni ti permettono una grande flessibilità nell’uso dei VST plug-ins. Per esempio, ti permettono di usare i plugins a 32 bit per essere usati con una versione a 64-bit di REAPER. In caso di dubbio, è necessario installarli.

ReaMote, ReWire, ReaRoute. Questo abilita varie capacità di riuting avanzate di REAPER, come controllare il passaggio di segnale audio/MIDI tra REAPER e altri programmi. Se si sceglie di non installare questi file, è possibile reinstallare REAPER per aggiungerli in qualsiasi momento in futuro.

Desktop Icon Lascia questa opzione selezionata per assicurarti che un’icona scorciatoia di REAPER sarà posizionata sulla scrivania di Windows.
Start Menu Shortcuts Lasciare questa opzione spuntata per garantire che Reaper venga aggiunto al Menu Start di Windows.
Associate with RPP Files Selezionando questa opzione vi permetterà di aprire Reaper con uno dei tuoi file progetto di REAPER direttamente da Esplora risorse di Windows o quindi qualsiasi collegamento sul desktop che si creerai per i vostri progetti.

Aggiornamenti Software di Reaper

Reaper è aggiornato frequentemente e regolarmente, con la correzione di errori, e nuove caratteristiche e miglioramenti. Puoi controllare se ci sono aggiornamenti visitando il sito http://www.reaper.fm devi semplicemente eseguire il download e installare. Non occorre disinstallare la versione precedente. Le preferenze e le impostazioni esistenti verranno automaticamente trasferite

Suggerimento: REAPER è frequentemente aggiornato. Un’opzione è disponibile in Opzioni, Preferenze, Generale (Impostazioni di avvio) per fare in modo che REAPER controlli automaticamente per aggiornamenti ogni volta che il programma viene avviato (devi essere on-line in quel momento). Di default,questa opzione è abilitata. Se non desideri essere avvisato ogni volta che è disponibile una nuova versione, puoi disabilitarla.

Lanciare Reaper

Per far partire Reaper, semplicemente esegui il doppio click sull’icona presente sul desktop. Potresti anche considerare di creare un tasto di scorciatoia per l’avvio. Per gli utenti Windows, questo è fatto usando il tab Shortcut della finestra di dialogo Proprietà dell’icona.

Consigli di partenza per Reaper

Di default, Reaper apre l’ultimo progetto usato. Come potrai vedere più tardi in questo capitolo, puoi cambiare questa preferenza se vuoi. In aggiunta, puoi usare le hot keys quando fai partire Reaper per scavalcare le impostazioni di default.

Azione Booster Key(s)
Apri Reaper senza caricare l’ultimo progetto Shift ( alla partenza di Reaper)
Apri Reaper senza caricare nessun modello progetto default Ctrl Shift (alla partenza di Reaper)

Reaper: selezioni, controlli e comandi

Lavorare in REAPER consiste nel fare scelte e dare comandi. Ad esempio, per copiare un singolo elemento è necessario selezionare la voce (di solito usando il mouse) e poi impartire il comando a REAPER di copiarlo. Altre volte, si useranno i comandi che riguardano l’intero file di progetto senza alcuna selezione. Ad esempio, si potrebbe desiderare di salvare tutto il vostro lavoro. In quel caso, non ci sarebbe alcun bisogno di selezionare nulla – servirebbe solo eseguire il comando necessario. Ci sono quattro principali metodi comunemente usati per dare comandi in REAPER:

Metodo Commento
Il Menu principale Come per le altre applicazioni, questo è accessibile con mouse e tastiera
Menu Contestuale Fare clic con il pulsante destro del mouse su un elemento o un’area dello schermo per visualizzare un menu contestuale a quel elemento.
Toolbars Fai clic con il mouse su ogni pulsante della barra per eseguire il comando assegnatogli.
Scorciatoie da tastiera Molti comandi e azioni sono accessibili con scorciatoie da tastiera. E’ inoltre possibile assegnare scelte rapide ad altri comandi ed azioni. Il capitolo 15 vi mostrerà come fare. In alcuni casi, diversi tasti modificatori sono utilizzati sia per PC che per Mac. Gli esempi di scorciatoie utilizzati in questa guida sono per PC (Windows). Gli utenti Mac devono fare riferimento a questa tabella riassuntiva per le somiglianze e differenze dei tasti:
PC (Windows)- Tasti

Shift

Control

Alt

Windows

Mac (OS X) Tasti Equivalenti

Shift

Command

Option

Control

Lo schermo di Reaper

REAPER consente di selezionare la combinazione di grafica e colori da una serie temi. Le schermate utilizzate in questo libro usano per lo più il tema predefinito di Reaper 4. Se si utilizza qualsiasi altro tema, si potrebbero rilevare differenza di visione. Se questo ti crea difficoltà, passa al tema di default.

In alcuni casi le modifiche sono state fatte per render epiù chiara la stampa in scala di grigi.

Quando si avvia REAPER, viene visualizzata una schermata simile (ma non necessariamente identica) a quello mostrato di seguito. L’esempio mostra un semplicissimo file di progetto che è stato aperto. La tabella sotto l’illustrazione introduce brevemente ciascuno dei principali elementi dello schermo.

Elemento Spiegazione
Menu Bar Viene visualizzato il menu principale nella parte superiore da una fila di comandi – File, Modifica, Visualizza, Inserisci, Oggetto, Traccia e così via. Come in altre applicazioni Mac e Windows, il menu è usato per dare i comandi.
Tool Bar Principale

Appena al di sotto del menu ci sono due file di sette pulsanti ciascuno. Questa è la barra degli strumenti principale di REAPER. A seconda del tema in uso, i pulsanti potrebbero non apparire uguali a quelli mostrati. Tuttavia, come per gli altri programmi, è possibile posizionare il mouse su un pulsante qualsiasi per ottenere una descrizione comandi.
La Timeline La timeline scorre attraverso la parte superiore della finestra di REAPER, appena a destra della barra degli strumenti principale. Misura la lunghezza del tuo progetto e aiuta ad identificare la posizione dei vari elementi multimediali. Nell’esempio illustrato, la linea temporale è visualizzata in entrambe le misure e battute (in alto) e minuti e secondi (di seguito).
Arrange Area: Finestra principale ed Area di Lavoro Questo si trova alla destra del pannello di controllo di traccia. Mostra gli elementi multimediali effettivi (audio e / o MIDI) che compongono le tracce. In questo esempio, c’è un elemento multimediale. Oggetti video possono anche essere inclusi, ma non verranno trattati in questa guida.
Il pannello di controllo della traccia (TCP) Questa area viene utilizzata per controllare il comportamento della vostra traccia audio e MIDI – in questo esempio c’è una traccia, chiamata Music. Naturalmente è possibile avere tutte le tracce di cui avete bisogno, con la sola limitazione imposta dal vostro hardware. Si noti che ogni brano ha una propria serie di controlli. Arriveremo a ciò che questi controlli fanno e come vengono utilizzati nei capitoli 2 e 4. Le descrizioni comandi sono disponibili per ciascuna di esse (vedi esempio a sinistra).
VU Meters Ogni traccia (e il Master) utilizza i misuratori ad unità di Volume – VU Meters – come indicatore visivo del livello dell’intensità del segnale audio della traccia (volume). Questi sono visibili sia nel pannello di controllo della traccia sia nel mixer.
La barra di trasporto Questo è utilizzato per controllare la registrazione e la riproduzione – per esempio, per avviare ed arrestare la registrazione.
Mixer e Pannello di Controllo del Mixer Questo viene visualizzato (in questo esempio) nella parte inferiore dello schermo. Mostra le tue tracce in un modo diverso. In questo esempio vengono mostrate le tracce twp: queste sono le stesse tracce mostrate nel TCP.

Si noti che questo include anche una traccia di uscita Master. L’output del Master è ciò che senti realmente quando suoni brani e elementi multimediali.

Non stupitevi se il vostro schermo non visualizza la stessa cosa, o risulta molto diverso. Lo schermo di REAPER può essere personalizzato per soddisfare le vostre esigenze individuali. Tratteremo questo nella sezione 2.

La traccia e i suoi controlli

Se hai già utilizzato un altro software DAW, probabilmente vorrai conoscere i controlli di traccia di REAPER il prima possibile.

Questa illustrazione mostra il più comunemente usato di questi. La posizione esatta di alcuni di essi varia in base alla larghezza del pannello di controllo della traccia. Puoi passare il mouse su qualsiasi controllo per una descrizione comandi. Nella maggior parte dei casi, fai clic su un controllo per usarlo (ad esempio, fai clic sul pulsante Disattiva audio per attivare o disattivare lo stato muto di qualsiasi traccia, fai clic e trascina il controllo Volume per regolare il livello del volume) e fai clic con il pulsante destro del mouse su un controllo per un menu di comandi, opzioni e / o impostazioni.

Se alcuni di questi controlli non sono visibili, è possibile sia necessario aumentare la larghezza o l’altezza del pannello di traccia. Passa il mouse sul bordo destro o inferiore del pannello così che il cursore del mouse diventi una freccia a due punte, quindi fare clic e trascinare verso destra o verso il basso.

A seconda del layout della traccia, il controllo del volume può essere un controllo rotativo (come mostrato sopra) o un fader orizzontale. Inoltre, potresti vedere un controllo ampiezza (width) rotante accanto al controllo della pan (come mostrato, a destra): in tal caso, ignoralo per ora. Ci arriveremo nei capitoli successivi. In effetti, tutti questi controlli verranno spiegati ulteriormente più avanti in questa guida.

Impostazioni per l’audio

Prima di poter registrare o riprodurre qualsiasi cosa, ci sono alcune opzioni di configurazione che devono essere eseguite. Questa sezione riguarda la gestione dell’audio. Qui è dove si decide quale dispositivo(i) useremo con REAPER, e come si desidera utilizzarli. Ci sono differenze nell’eseguire questa assegnazione tra Mac con OS X e un PC con Windows In aggiunta, è anche consigliabile disabilitare i suoni di sistema. Per gli utenti di OS X, questo è fatto in Preferenze di Sistema. Gli utenti di Windows devono utilizzare il Pannello di controllo.

Impostazioni Audio (PC Windows)

Per configurare l’audio del Dispositivo, prima scegliere Opzioni, Preferenze comando che trovi sul Menu principale di REAPER, quindi sotto Audio seleziona Dispositivo dalla lista a sinistra.

Se prevedi di usare il Suono interno della scheda audio del PC, dovresti familiarizzare con il suo software di controllo (di solito aperto dal pannello di controllo di Windows). Questo è particolarmente importante per prevenire la miscelazione di materiale registrato con il nuovo materiale che registrerai risultando così un suono doppio. Se la tua scheda audio include driver ASIO utilizzalo per poter avere una allora prestazione ottimale.

Nella schermata Preferenze dispositivo audio, dovresti impostare le seguenti opzioni:

Oggetto Commento
Sistema Audio Le altre voci di questa schermata variano rispetto alla scheda audio selezionata. Scegli i driver ASIO se sono disponibili per la scheda audio scelta o un dispositivo FireWire o USB.
Abilita Ingressi Questa opzione deve essere attivata (segno di spunta) se si desidera utilizzare Reaper per la registrazione.
Intervallo d’ingresso Se il dispositivo dispone di più ingressi, specificare il primo e l’ultimo di quelli che si vogliono utilizzare. In questo esempio, 2 ingressi sono disponibili. Nel caso ci fossero più canali si potrà eseguire una registrazione multi traccia contemporanea.
Intervallo d’uscita Se il dispositivo dispone di uscite multiple, specificare la prima e l’ultima che si desidera avere disponibili. Il vostro MASTER userà una coppia di uscite audio e di solito le prime due, ma è possibile utilizzare anche gli altri se lo si desidera.
Request sample rate/block size È possibile impostare la frequenza di campionamento e le dimensioni del blocco o qui o utilizzando il software di controllo della scheda audio. Se non sei sicuro, inizia con 44100 e 512.
Configurazione Asio Facendo clic su questo pulsante si accede direttamente al software di controllo della vostra scheda audio o altri dispositivi audio.
Priorità Thread Audio Assegnando una priorità più alta si assicurerà che i thread audio vengano elaborati prima di altri thread (ad esempio grafica).

Impostazioni Audio (Mac OSX)

I dispositivi audio su OS X sono impostati e selezionati nel Audio MIDI Setup OSX. Assicurarsi di aver prima scaricato ed installato gli ultimi aggiornamenti del sistema Mac. Si dovrebbe anche controllare i driver del dispositivo audio in REAPER. Per fare questo, avviare REAPER e scegliere Opzioni, Preferenze nel menu principale di REAPER, poi sotto la Selezione Scheda Audio dall’elenco nella colonna a sinistra.

Nel primo esempio riportato è stato installato, un dispositivo di Saffire USB ( un Focusrite Saffire Pro 40). Saffire è stata quindi scelta in modo da garantire che la scheda venga utilizzata sia per l’ingresso sia per l’uscita. È possibile (come mostrato qui) impostare la frequenza di campionamento e la dimensione del blocco (che aiuta a determinare la latenza ), oppure è possibile aprire in maniera indipendente il proprio pannello di controllo del dispositivo e gestirli lì . Se non siete sicuri, impostate questi valori a 44100 e 512 per iniziare. Se si desidera utilizzare la scheda audio interna del Mac , potrebbe essere necessario adottare misure per evitare il ritorno di materiale esistente, e ri- registrarlo con ulteriori tracce che vengono aggiunti in seguito. Per fare ciò, avete bisogno di un dispositivo di aggregazione. Apri il set up Audio MIDI OSX quindi fai clic sul simbolo + in basso a sinistra della finestra per creare un dispositivo audio . Aggiungi a questo dispositivo aggregato l’ingresso e le uscite della scheda audio interna, come mostrato qui . Se si desidera rinominare, fare doppio clic sul dispositivo e quindi digita il nome Aggregato. Successivamente, nelle opzioni di Scheda Audio delle preferenze dei dispositivi di REAPER , seleziona il dispositivo aggregato ed applica le modifiche . Ora sarete in grado di usare le cuffie con l’uscita audio del computer ed e il microfono con l’ingresso della scheda audio.

Usando un dispositivo aggregante puoi risolvere altri problemi di invio di segnale che possono essere risolti aumentando gli ingressi e le uscite interne.

Aliasing Ingressi

REAPER supporta Aliasing d’ingresso. Questa è la capacità di dare i propri nomi agli ingressi audio. Può essere usato per abbreviare i nomi lunghi che il sistema assegna spesso a questi ingressi, soprattutto quando il dispositivo supporta più ingressi. Un esempio di utilizzo di questa funzione potrebbe essere quella di cambiare nomi come analogico 1 Delta 1010 (1), analogico 2 Delta 1010 (1), e così via con Mic / Line 1, Mic / Linea 2, etc. Per eseguire l’aliasing ingresso si accede dalla schermata Preferenze Audio. Selezionare Input Nome Canale Aliasing / rimappatura. Il metodo è simile a quello utilizzato per aliasing output – vedi sezione sottostante.

Aliasing Uscite

REAPER supporta anche Aliasing uscita. Ciò consente di dare nomi alle vostre uscite audio abbiano un senso per voi. Questo è particolarmente utile se la vostra scheda audio o altri dispositivi audio forniscono più uscite. Ad esempio, una coppia di uscite può essere collegato al monitor di controllo della camera, un’ altra al monitor per studio, e una terza coppia ad un multi-uscita monitor cuffie. Per impostazione predefinita, le uscite avranno nomi simili mostrati nella figua sotto. Chiaramente, questi nomi non sono molto utili a voi. Con l’assegnazione di alias a queste uscite, è possibile garantire che ogni volta che avete bisogno di elencarli (per esempio, per determinare la destinazione dell’uscita dal tuo Master) verranno visualizzati i propri nomi, invece dei nomi dei dispositivi hardware.

Esempio

Per creare alias di uscita:

  1. Scegli Opzioni – Preferenze
  2. Viene visualizzata la pagina audio e nella sezione denominata Nomina / Mappa Canale assicurarsi di aver spuntato l’opzione Canale di uscita Nome Aliasing (questo è quasi l’ultimo elemento in questa schermata).
  3. Esegui il click sul tasto Mappa per questa uscita Modifica Nomi /Mappatura.
  4. Fare doppio clic nella colonna Nomi alias su un elemento alla volta per modificarle. In ogni caso, dopo aver digitato il tuo alias preferito, fai clic su OK per tornare all’ Alias ​​canale di uscita / finestra Mapping .
  5. Fare clic su OK per chiudere la finestra e tornare alla finestra di dialogo Preferenze.
  6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Preferenze. I nomi specificati ora dovrebbero automaticamente essere utilizzati in tutto REAPER. Questo argomento verrà trattato più avanti, a cominciare dal capitolo 2.

Impostazioni per il MIDI

Se avete intenzione di utilizzare il MIDI, è necessario abilitare i dispositivi MIDI. Molte schede audio PCI, Firewire e dispositivi audio USB includono un ingresso ed uscita MIDI (per l’uso, ad esempio,di una tastiera MIDI). Scegliere Opzioni, Preferenze dal menu principale, quindi visualizzare la schermata Dispositivi MIDI. È possibile selezionare a turno ciascuno dei dispositivi di input e output MIDI elencati, fare clic destro sul suo nome, quindi scegliere Attiva Input. È possibile fare doppio clic su qualsiasi nome di dispositivo di input per visualizzarne delle e impostazioni di ingresso Configurazione MIDI. Questo consente di assegnare il proprio nome (o pseudonimo) per il dispositivo, o di specificare la vostra opzioni avanzate timestamp (se richiesto). È inoltre possibile attivare ingressi per i messaggi di controllo, se si desidera utilizzare il dispositivo come un controller MIDI.

Laddove sono presenti più dispositivi (input o output) è possibile eseguire il clik su qualsiasi intestazione di colonna (Device, Mode o ID) per ordinare l’elenco dei dispositivi in questo ordine.

L’elenco dei dispositivi può includere elementi che non sono presenti. Per questi hai un’opzione per disabilitare il dispositivo.

In alternativa, è possibile abilitare / configurare tale dispositivo (ingresso o uscita) in modo che possa essere utilizzato quando presente.

Per assegnare il proprio nome o per specificare un offset per qualsiasi dispositivo di input o di output MIDI, fare clic destro sul nome del dispositivo e scegliere Configura Output dal menu contestuale.

Se si dispone di un joystick che si desidera utilizzare con REAPER è necessario eseguire il click sul pulsante MIDI Add joystick, quindi selezionare il nome del dispositivo e la modalità di elaborazione.

È inoltre possibile specificare se si desidera utilizzarlo per ingresso MIDI Keyboard Virtuale / o come dispositivo di controllo MIDI learn.

Se si desidera utilizzare una superficie di controllo, come ad esempio un Behringer BCF2000 oppure BCR2000, con REAPER, allora si dovrebbe impostare la modalità di ingresso solo per controllare. L’uso dei dispositivi di controllo verrà spiegato più avanti in questa guida.

Opzioni di Reset

Sulla parte bassa della finestra delle preferenze di MIDI Devices ci sono le opzioni per Ripristinare (tutte le note-off e / o pitch / sustain, e Reset on (riproduzione e / o stop / stop seek) che riguardano solo i dispositivi hardware.

Altre preferenze audio

Si può notare che ci sono altre schermate per le preferenze audio che non abbiamo ancora esaminato, tra cui buffering, riproduzione e registrazione. Queste saranno trattate più avanti in questa Guida per l’utente, in particolare nel capitolo 22.

Quando si comincia, si dovrebbero lasciare le impostazioni ai loro valori predefiniti, e tornare a cambiarle se si scopre che volete o avete bisogno di farlo. Al termine, cliccando su OK, ovviamente, si chiude la finestra Preferenze per la memorizzazione delle impostazioni.

Questa sezione ha spiegato le questioni generali riguardanti la creazione del sistema per lavorare con il MIDI. Per le impostazioni e le opzioni specifiche di progetto, vedere il Capitolo 2.

In particolare, se si lavora principalmente con materiale MIDI si potrebbe desiderare di modificare l’impostazione base dei tempi di progetto di default. Anche questo è spiegato nel capitolo 2.

Abilitare i Plug-ins VST

C’è una ulteriore schermata di Preferenze che probabilmente si desidera visitare prima di iniziare quella dei VST plug-in. Come per Preferenze audio, REAPER ha diverse pagine di preferenza per i plug-in, ma questi possono (in un primo momento) essere lasciati alle impostazioni predefinite. Tuttavia, se avete già una collezione di VST e / o VSTi plug-in sul ​​computer, REAPER deve poterle trovare. Si noti che i plug-in VST3 devono essere tenuti in una directory separata da altri plug-in.

Scegli il comando Opzioni, Preferenze, quindi seleziona VST sotto la sezione Plugin. È possibile utilizzare il rilevamento automatico premendo il pulsante per individuare i plug-in, ma se sono distribuiti su più directory, REAPER potrebbe non trovarli tutti.

In questo caso, è possibile fare clic sul pulsante Modifica per specificare la (e) posizione (e) della / e cartella / e in cui sono memorizzati gli altri plug-in VST.

Puoi lasciare la maggior parte delle altre impostazioni come sono (almeno per ora).

OS X utilizza due cartelle “integrate” per l’installazione di plug-in condivisi. Questi sono ~ / Libreria / Audio / Plug-in e ~ / Utenti / <il tuo account> / Libreria / Audio / Plug-in. REAPER effettuerà la scansione di questi per impostazione predefinita: dovresti, tuttavia, controllare che siano automaticamente elencati come percorsi di plug-in VST. In caso contrario, dovresti aggiungerli.

Windows non individua tali cartelle per te. Dovrai identificare e specificare dove i tuoi plugin VST sono stati installati Se i tuoi plug-in VST sono distribuiti su più di una cartella (questo non accade mai), sarà necessario utilizzare il pulsante Aggiungi più volte, selezionando ogni volta una delle tue cartelle. Utilizza il pulsante OK nella finestra Sfoglia per cartella ogni volta dopo aver selezionato il nome della cartella. Facendo clic sul pulsante Riscansione nella finestra sopra mostrerà immediatamente i contenuti delle cartelle VST e VSTi disponibili. REAPER lo farà analizzando anche eventuali sottocartelle.

REAPER esegue automaticamente la scansione delle cartelle VST ogni volta che viene avviato il programma. Puoi anche tornare a questo schermo in qualsiasi momento e aggiungere più cartelle VST in seguito. Specificare i percorsi extra dei plug-in VST, quindi Riscansiona quindi Applica quindi OK per chiudere questa schermata e far ricordare le nuove impostazioni. Potete trovare ulteriori informazioni sulle varie impostazioni e opzioni di VST Preferences nel Capitolo 22.

VST e VST3: nota importante: REAPER analizza le tue directory per i plug-in VST in base al tuo elenco, da sinistra a destra. Se trova due o più con nomi identici, selezionerà l’ultimo che trova. Se un plugin VST3 è chiamato anche leggermente diverso dal suo equivalente VST, entrambe le versioni saranno installate e rese disponibili all’interno di REAPER. Tuttavia, se entrambi sono identificati in modo identico, verrà installato solo l’ultimo trovato. Per questa ragione, può avere senso posizionare la directory VST3 per ultima nella lista (come mostrato nell’esempio sopra).

Reaper: Cartelle installazione e Posizione dei File

La posizione dove le varie risorse di Reaper vengono installate in posizioni che dipendono dalla versione di OS X o Windows in uso. Per esempio in Window 7 risulta differente da XP. Per identificare dove i vari files sono posizionati, scegli la voce di menù presente sotto Opzioni “Visualizza percorso risorse di Reaper in Explorer/Finder. Qui sono visualizzate le cartelle in Finder e in Windows 8. Molti di questi files sono spiegati in questa Guida all’Uso. Comunque, puoi trovare informazioni ed aiuto nella seguente tabella:

Reaper: Cartelle installazione e Posizione dei File
The Registry (Windows only) Nota per gli utenti Windows Nota: REAPER non memorizza i dati di installazione, impostazioni o preferenze nel registro di Windows. Windows crea un oggetto per REAPER in HKEY_LOCAL_MACHINE, Software, ma non contiene dati diversi da mantenere una traccia dei vostri movimenti di file in settori di Registro come la sua MUICache e la creazione di associazioni di file, in modo che è possibile aprire i file. RPP (per esempio, in Windows Explorer) facendo doppio clic su di essi.
The REAPER Install Directory – OS X OS X installa REAPER nella sua cartella Applicazioni. Copiare i file PDF (come questa Guida dell’utente) che si desidera poter accedere da Reaper- Menu Aiuto: supporto <nomeutente> / Library / Application / REAPER Con alcune versioni (ad esempio Lion) potrebbe essere necessario tenere premuto tasto Opzioni durante la visualizzazione del menu per rendere questo percorso accessibile.
The REAPER Install Directory – Windows Per impostazione predefinita, REAPER su Windows viene installato in C: \ Program Files \ REAPER Copiare in questa directory qualsiasi file PDF (come questa Guida dell’utente) che si vuole essere in grado di accedere dal menu Aiuto di Reaper. Alcuni degli elementi di installazione opzionali sono tenuti in sotto-cartelle di C: \ Program Files \ REAPER. Questi includono i plug-in VST e Cockos ReaPlug (se installato) le estensioni SWS. Tutto ciò è memorizzato in questa directory ed è accessibile a tutti gli utenti di REAPER su questo computer. La maggior parte delle caratteristiche REAPER (come ad esempio i file di configurazione e le impostazioni personalizzate) vengono inserite in una applicazioni di dati o la cartella AppData. La posizione di questo dipenderà dalla versione di Windows che si sta utilizzando.
The Application Data/ Support Directory Per accedere alla cartella REAPER AppData o Application Support, scegliere dal menu Opzioni percorso della risorsa Mostra REAPER … dal menu principale di Reaper. Alcuni dei principali elementi che troviamo sono elencati di seguito.
Sub Directories Dovresti trovare un certo numero di sottodirectory, come ad esempio:
Color Themes MenuSets
Configurations Presets
Cursors Project Bays
Data ProjectTemplates
Effects QueuedRenders
FXChains Scripts
KeyMaps TrackTemplates
Molti di questi sono auto-esplicativi, in particolare quelli che contengono i vari file e le voci che è possibile creare da voi stessi come un aiuto per gestire i vostri progetti REAPER. Ad esempio, tutte le catene FX create verranno memorizzate sul sub-directory FXChains.I menu personalizzati e dati toolbar vengono memorizzati nella sottodirectory MenuSets, e così via. I temi come la creazione di catene FX e menu personalizzati sono trattate altrove in questa guida. I dati contenuti nella directory Data comprendono le icone Traccia e icone della toolbar. La cartella Effects è dove vengono memorizzati gli effetti JS.
preset-vst-plugname.ini Per ogni plug-in VST, un file separato viene utilizzato per memorizzare tutti i preset creati o importati.
REAPER.ini Questo include tutte le opzioni, impostazioni delle preferenze, informazioni sul layout ultimo schermo, e la vostra storia progetti utilizzati di recente.
reaper-dxplug-ins.ini reaper-vstplug-ins.ini Questi file memorizzano le informazioni sui plug-in installati.
reaper-reginfo.dat reaper-reginfo.ini Memorizza i tuoi dati di registrazione del prodotto
reaper-recentfx.ini Questo file memorizza un elenco dei vostri FX utilizzati di recente: questo elenco viene utilizzato per produrre il sottomenu FX utilizzati di recente che è disponibile nel Mixer.
screensets.ini Questo file memorizza i dettagli dei vostri set di schermate di Windows. Si noti che i set di visualizzazione traccia sono memorizzati con il file MPP pertinente.
Specify Default Paths for Recording and Rendering È possibile utilizzare la finestra accanto (Menu Opzioni poi Preferenze seguito da Percorso, per specificare percorsi predefiniti per i tuoi oggetti multimediali registrati. Si noti, tuttavia, che qualsiasi percorso specificato nelle impostazioni del progetto avrà la precedenza su questo. È inoltre possibile specificare percorsi predefiniti per i file di picco della forma d’onda ( immmagini delle stesse sulla finestra arrange) e per il rendering del progetto.

C’è un’altra cosa che potrebbe interessarti qui. Tutte le impostazioni, preferenze e file personalizzati sono file di testo. Nessuno di loro può essere aperto e modificato utilizzando un editor di testo come Blocco note. Ciò vale anche per i file di progetto di Reaper, con estensione. RPP. Naturalmente, molto probabilmente non avrai mai bisogno di fare questo, e se lo fai, si dovrebbe sempre prendere una copia prima, solo in caso di eventuali errori o incidenti. Tuttavia, non si dovrebbe mai provare a utilizzare un programma di editing di testo per aprire, visualizzare o modificare qualsiasi file con estensione. App,. Dmg,. Exe o Dll.

Localizzazione e File Lingua

La selezione di un Language Pack fa si che REAPER utilizzi tale lingua per i menu, finestre di dialogo, suggerimenti, e così via. La lingua di default è l’inglese americano. I Language Pack sono gestite dalla pagina Generale delle Preferenze di Reaper. Per vedere quali Language Pack sono disponibili, e per scaricare delle nuove, fare clic sul collegamento Download language packs (vedi sotto). Questo vi porterà a un URL dove è possibile seguire i collegamenti (compreso di REAPER Stash) per trovare la vostra lingua. Dopo il download, chiudere la finestra Preferenze e utilizzare il comando, Mostra percorso risorsa REAPER in Explorer / Finder per visualizzare le cartelle delle risorse di Reaper. Successivamente, trascinare e rilasciare il file (s) scaricato nella cartella LangPack.

Per selezionare un pacchetto di lingua oltre che l’inglese, selezionare dal menu a discesa (a destra) e cliccare su OK. Sarà necessario riavviare REAPER per la lingua abbia effetto.

Fare il Back Up delle impostazioni

In questo capitolo sono state introdotte alcune impostazioni e preferenze di Reaper . Proseguendo la lettura ne troverete delle altre. È possibile eseguire il backup di queste impostazioni e preferenze in qualsiasi momento. Questo può essere una buona precauzione da prendere contro il crash di sistema, e può anche essere utilizzato per assicurare due o più installazioni identiche di REAPER su macchine diverse. La procedura per fare questo è spiegata nel capitolo 22 alla voce “Importa ed Esporta configurazione. ” Non preoccupatevi se non avete ancora capito il significato di molte delle opzioni. Basta tenere a mente che questa struttura è sempre disponibile. Se hai dubbi su come eseguire il backup , può essere una precauzione sensata fare il backup di tutte le impostazioni di configurazione di volta in volta , ogni volta in un nuovo file Reaper Config.zip . Ricordarsi di tenere una copia dei tuoi file Reaper Config.zip off line, ad esempio su un disco esterno o un’unità flash USB .

Usare REAPER su un Flash Drive

È possibile installare REAPER su un dispositivo flash USB o un altro disco esterno. In questo modo, potete utilizzarlo anche lontani da casa o sul posto di lavoro direttamente dalla vostra chiavetta USB (o un disco esterno),basterà collegarla ad un computer, ed il gioco è fatto. Prima di installare REAPER su un flash drive, ha senso installarlo sul vostro disco rigido. Quando si installerà REAPER su un dispositivo esterno in questo modo, si avrà anche la migrazione di tutte le impostazioni, preferenze, ecc. Il metodo di installazione è diverso per OS X e Windows.

OS X

  1. Inserisci il flash drive in una porta USB .
  2. Crea una nuova cartella su questa flash drive , ad esempio REAPER4 . In questa cartella crea un file di testo vuoto chiamato reaper.ini
  3. Apri la cartella Mac contenente l’immagine del disco REAPER file ( dmg . ) : Questa sarà probabilmente in Downloads .
  4. Fai doppio clic su questo file per aprirlo. Trascinare e rilasciare l’icona REAPER alla nuova cartella sul flash drive . Sii paziente . C’è un gran numero di file da trasferire. Questo può richiedere fino a 10 minuti o più.

Windows

  1. Inserisci il dispositivo esterno in una porta USB disponibile del PC. Nota la sua lettera di unità (ad esempio E : , F : . G: , H : . I: . Ecc ) . Questo dipenderà daquanti dischi rigidi interni, partizioni del disco, hard disk esterni , masterizzatori DVD , ecc avete già installato.
  2. Fai doppio clic sul file di installazione REAPER per avviare il processo di installazione.
  3. Fai clic su I Agree per accettare il contratto di licenza. Verrà visualizzata la finestra Scegli Posizione installazione.
  4. Abilita l’opzione per l’installazione Portable .
  5. Fai clic su Sfoglia. Seleziona la tua flash drive e clicca su Crea nuova cartella. Assegna un nome alla cartella ( ad esempio REAPER ) e premere Invio.
  6. Ritorna alla schermata mostrata appena sopra, e prosegui il processo di installazione in modo normale .
  7. Attendi mentre i vari file vengono installati. Ci sono un sacco di file e questo potrebbe impiegare un po’ di tempo.

Opzioni Star Menu di Reaper ( Solo Windows)

Normalmente per avviare REAPER è sufficiente fare doppio clic sul collegamento sul desktop di Windows. Questo farà sì che REAPER si avvii in base alle vostre preferenze e le impostazioni esistenti. Tuttavia, per i momenti in cui non si vuole fare questo, si dovrebbe anche essere consapevoli delle altre opzioni disponibili nel menu Start di Windows. Fare clic sul pulsante Start, Tutti i programmi, REAPER viene presentato con il seguente menu a comparsa delle opzioni di scelta:

Comando Menu Spiegazione
Install REAPER to USB key Questo può essere usato per installare REAPER su un’unità flash o un dispositivo simile. Tuttavia, il metodo descritto in precedenza in questo capitolo è più semplice!
ReaMote Slave L’uso di ReaMote va oltre lo scopo di questo manuale. Tuttavia, è possibile leggere una rassegna nella sezione 22.
REAPER Inizia Reaper normalmente, con l’ultimo progetto.
REAPER (create new project) Inizia Reaper con un nuovo file di progetto.
REAPER (reset configuration to factory defaults) Inizia REAPER con la pagina delle preferenze Impostazioni Audio.
REAPER (ReWire slave mode) Apre Reaper in modalità Rewire slave.
REAPER (show audio configuration on startup) Apre Reaper con la pagina di Impostazioni audio in primo piano
REAPER License Visualizza le informazioni sulla licenza.
Uninstall REAPER Disinstalla REAPER. Se è necessario disinstallare REAPER per qualsiasi motivo, è necessario utilizzare sempre questo metodo.
Whatsnew.txt Apre il file di testo che visualizza una storia di nuove funzionalità e modifiche introdotte in ogni versione di REAPER.

Tipi di File di Reaper

Come qualsiasi altro programma, REAPER crea una serie di file che utilizza per memorizzare il vostro lavoro. Alcuni dei principali tipi di file ed i loro scopi sono descritti nella tabella seguente, insieme ad altre informazioni utili.

Tipo di File Esempio Spiegazione
.RPP REAPER Project File Alone.RPP Questo file è il cuore del progetto. Contiene tutte le informazioni circa le tracce, i file multimediali e le relative impostazioni. . File MPP sono memorizzati in formato testo.
.RPP-bak Project Backup File Alone.RPP-bak Quando si salva un file di progetto esistente, la versione precedente viene salvata con l’estensione. RPP-bak. È possibile recuperare un progetto dal suo stato precedente aprendo il file di backup.
.RPP-UNDO Undo History File Alone.RPP-UNDO Verrà creato questo tipo di file se si seleziona l’opzione per salvare la cronologia degli annullamenti con i file di progetto. Questa opzione è inclusa nella sezione Impostazioni Annullamento delle impostazioni generali in Opzioni della finestra Preferenze. Questo argomento è spiegato con maggiore dettaglio nel Capitolo 2.
.reapeaks REAPER Peaks File Vox.wav.reapeaks Questi file contengono le informazioni necessarie per consentire a REAPER di disegnare le forme d’onda ecc sui vostri elementi multimediali.
.reapindex REAPER Peaks File Vox.wav.reapindex Questi file contengono le informazioni di indice sui tuoi singoli elementi multimediali.

Informazioni Utente per licenza

Per impostazione predefinita, la barra del titolo di REAPER mostrerà informazioni sulla licenza come il nome dell’utente registrato. Ci sono opzioni per gestirlo nella scheda Acquisti della finestra che viene aperta quando si sceglie il comando Guida, Licenza e Accordo utente. In alternativa, puoi impostare la visualizzazione a schermo intero, attivando e disattivando Windows premendo F11, in OS / X di Cmd F11.

Pop e Clics

Sei quasi pronto per iniziare a fare musica con REAPER! Prima di farlo, però, si dovrebbe dedicare qualche minuto alla lettura di questa sezione, che tratta il problema non raro di pop e click che risultano quando si riproduce la musica. Questo è un problema del computer, piuttosto che un problema specifico REAPER, ed è generalmente meno probabile che si di verifichi con un Mac che con un PC.

Se si verificano suoni di pop e click indesiderati quando si riproduce un brano in REAPER, allora molto probabilmente tutto ciò indica che le impostazioni del dispositivo audio non sono corrette per il vostro computer. Come soluzione rapida, prova a regolare la dimensione del blocco (Preferenze, Audio, Device), a partire da 128 e passa a, 256, 512, 768 o 1012 per trovare il valore più basso per il sistema a cui è possibile riprodurre la musica senza eventuali pop o clic. Se incontri questo problema, si dovrebbe leggere anche il capitolo 22 per saperne di più su questo argomento.

Disinstallare Reaper

Non è necessario disinstallare la versione corrente di REAPER prima di installarne una nuova. L’installazione esistente verrà automaticamente aggiornata dalla nuova installazione. Tuttavia, se si desidera disinstallare REAPER per qualsiasi motivo, gli utenti OS X dovrebbero semplicemente trascinare l’icona REAPER nel Cestino e rimuovere la cartella ~ / Library / Application Support / REAPER. Gli utenti Windows devono seguire questa procedura:

  1. Fai clic sul pulsante Start di Windows, quindi Tutti i programmi, quindi REAPER quindi Disinstalla REAPER.
  2. Quando viene visualizzata la procedura guidata di disinstallazione REAPER, fai clic su Disinstalla.
  3. Quando il processo di disinstallazione è finito, fai clic su Chiudi.
  4. Quando richiesto, selezionare Sì se si desidera vedere quali file sono stati lasciati sul vostro disco rigido, altrimenti selezionare No.

Suggerimento: Se si re-installerà REAPER in una data successiva, non rimuovere questi file. Questo farà sì che le precedenti impostazioni e preferenze verranno richiamate quando viene re-installato.

Etichettato ,
error: Mi spiace. Se vuoi una copia pdf della dispensa richiedila via email