Absynth – Flusso di segnale – Manuale in italiano

Condividi

Visibilità FREE

Picture 3

La finestra Patch è il centro di controllo di ABSYNTH 5, dove si assemblano i componenti che compongono un suono. Questi componenti contribuiscono a produrre e plasmare l’output desiderato. I moduli rappresentano i singoli componenti nella finestra Patch. Ci sono diversi tipi di moduli: moduli Oscillator sono le sorgenti sonore di ABSYNTH 5, moduli modulatore, moduli di filtro e moduli Waveshaper per modellare il suono. Nelle sezioni seguenti si troveranno descrizioni dettagliate dei diversi moduli e le loro caratteristiche.

Flusso di segnale nella Patch

Come sapete dalla guida introduttiva, la progettazione di ABSYNTH 5 è semi-modulare. Ciò significa che è possibile determinare la disposizione di alcuni componenti da soli. Altri componenti hanno un posto permanente nel flusso del segnale.

Combinare i Moduli nei Canali

La finestra Patch organizza i componenti dei moduli in tre canali. Questi canali sono indicati con le lettere da A a C e sono composti da tre campi disposti verticalmente, slot dei moduli. Ognuno di questi slot modulo può essere riempito con un modulo. Per attivare un modulo on o off, fare clic sul confine esteso sul lato sinistro del vano del modulo – dove una scritta indica il tipo di modulo.

Quando si inseriscono i moduli, si applicano le seguenti regole:

  • Il I moduli Slot A-C nella parte superiore dei tre canali può essere caricato con un modulo oscillatore.
  • I restanti slot Modulo 1 e 2 di ogni canale possono essere caricati con moduli modulatore, Filtro o Waveshaper.

Mentre il modulo Oscillator funziona sempre come sorgente del segnale, gli altri moduli possono spostarsi tra i diversi tipi di operazioni.

Se si attiva un modulo, allora questo tipo di modulo viene visualizzato nel bordo del vano del modulo. Una volta attivato, il suo menu tipo consente di passare tra le modalità di funzionamento del filtro, modulatore e Waveshaper. Così, per esempio, è possibile inserire i moduli di filtro in entrambi gli slot di un canale, e inserire due waveshapers in un altro canale.

Controlli Livello Canale

Sotto i canali A, B, e C si possono vedere tre cursori orizzontali, noti come i controlli di livello del canale. Questi cursori consentono di regolare i livelli dei tre canali.

Picture 4

ABSYNTH 5 può anche regolare i livelli automaticamente in modo che la somma dei tre segnali audio non superi 0 dB, anche dopo che un valore in uno dei tre canali è stato cambiato. Per attivare livelli automatici di volume, attivare l’opzione Auto balance patch channels nella pagina Generale della finestra di dialogo Opzioni (vedere la sezione 3.4, “Opzioni Dialog”, per maggiori informazioni). Avete anche la possibilità di bilanciare i canali manualmente, dando il livello a ciascuno. Per fare questo, selezionare i livelli di entrata Balance dal menu Modifica nella barra di navigazione o nel menu Application Bar (stand-alone).

Selettore Surround Pan

Il selettore Surround Pan che è posizionato nel angolo in basso a sinistra della Patch Window, ti permette di attivare/disattivare il modo Surround Pan.

Picture 6


Questa modalità consente di posizionare liberamente i tre canali del panorama surround. Questa funzione può essere utilizzata per effetti spaziali impressionanti, per esempio, modulando la posizione surround dei canali in modo indipendente l’uno dall’altro con un LFO o un inviluppo.

Canale Master

Picture 7

I segnali forniti dai moduli Oscillator attivati attraversano gli altri moduli attivati in ciascun canale, e poi vengono mescolati nel canale master, che è disposto orizzontalmente nella parte inferiore dell’interfaccia di ABSYNTH 5. Nel canale master, il segnale va da sinistra a destra.

In questo canale, c’è un Slot modulo riservato per un modulo particolare: il modulo effetto, che può sempre essere trovate in fondo a destra della finestra Patch – alla fine della catena del modulo. Gli altri due moduli slot nel Canale Master possono essere riempiti con moduli a scelta (tranne i moduli Oscillator).

Dopo il modulo effetto, il segnale finale lascia ABSYNTH 5.

I fili di collegamento tra i moduli attivati sono incandescenti e visualizzano il flusso del segnale!

Mono Mode e Poly Mode nel Master Channel

I moduli del Canale Master hanno due modalità di funzionamento: la modalità Poly e Mono. È possibile passare tra le due parti facendo clic sul pulsante Mono / Poly.

Picture 9
  • In modalità Mono (tre frecce che si incontrano), i segnali provenienti dai tre canali AC sono riassunti prima di essere elaborati dal modulo.
  • In modalità Poly (tre frecce parallele), il modulo elabora separatamente ciascun canale.

Come logica conseguenza, non si può avere un modulo in modalità Poly dopo un modulo in modalità Mono, dato che i tre segnali di canale sono già stati uniti dal primo modulo …

La differenza tra le due modalità può essere ascoltata in modo particolarmente chiaro nel modulo Waveshaper.

In modalità Poly ogni voce ha il proprio, Waveshaper indipendente. La distorsione colpisce ogni voce separatamente – nello stesso modo come se ogni corda su una chitarra avesse un proprio amplificatore.

In modalità Mono, solo un Waveshaper viene utilizzato per le diverse voci, il che significa che molte delle note suonate interagiscono – simile al modo in cui lo fanno in accordi suonati su una chitarra elettrica distorta.

È possibile provare l’effetto semplicemente inserendo un modulo Waveshaper nel Master Channel.

Suona un paio di suoni e passa tra due modalità ceseguendo il click sul pulsante Mono / Poly. Vedrete che la modalità Mono reagisce con una distorsione significativamente più forte appena si inizia a suonare più note. Questo perché i segnali delle diverse voci sono assemblati prima dell’ingresso Waveshaper, che si traduce in una potenza di ingresso superiore. In modalità Poly, invece, le voci sono distribuite tra più waveshapers e quindi producono bassi livelli di segnale.

Per i segnali di ingresso a basso livello, la modalità Waveshaper in Mono funziona come un semplice compressore e si presta bene a comprimere e riscaldare il segnale di ingresso.