sabato, Luglio 11, 2020
Home > Uncategorized > Studio One – Inspector traccia ed evento- Manuale in italiano

Studio One – Inspector traccia ed evento- Manuale in italiano

Condividi

Track and Event Inspector

Le schermate Track Inspector e Event Inspector ti offrono un rapido accesso a una serie di importanti parametri e funzioni per-Track e per-Event. Per mostrare o nascondere gli Ispettori, premere [F4] sulla tastiera o il pulsante “i”, situato sopra la vista Arrange. Una volta che gli Inspector sono visibili, facendo clic su una Traccia o Evento, l’elemento viene messo a fuoco nell’Inspector appropriato. Vedrai diversi gruppi di controlli, a seconda che la Traccia o l’Evento siano basati sull’audio o sullo strumento. 

Fai clic sulla traccia audio desiderata per accedere ai seguenti parametri in Impostazioni traccia:

  • Tempo (Modalità) Consente di scegliere il modo in cui la riproduzione della traccia corrente si riferisce al tempo della song. 
  • Timestretch (Modalità) Consente di scegliere l’algoritmo timestretching ottimale per la traccia.
  • Group Consente di assegnare la traccia corrente a un gruppo di brani esistente.
  • Layers Consente di aggiungere, duplicare, rinominare o rimuovere un livello dalla traccia, nonché di impostare quale livello è attualmente selezionato per la riproduzione.
  • Layers Follow Events Abilita questo parametro per far sì che l’audio sui livelli sottostanti segua l’Evento correlato sopra quando lo sposti lungo la timeline. Quando questo parametro è disabilitato, lo spostamento di un Evento con uno o più Livelli al di sotto di esso stacca quell’Evento dai livelli sottostanti, rendendolo una parte permanente del Livello primario.
  • Play Overlaps Abilitare questa opzione per consentire la riproduzione simultanea di qualsiasi audio sovrapposto sulla traccia corrente, piuttosto che tagliare all’inizio del prossimo evento.
  • Delay Consente di applicare un ritardo temporale positivo o negativo alla traccia corrente, per allinearlo ad altri elementi. Intervallo da -100 a 100 ms.
  • Automation Consente di scegliere la modalità di automazione per ciascuno dei parametri automatizzati associati alla traccia, oltre a visualizzare e abilitare o disabilitare rapidamente l’automazione per un determinato parametro. 
  • Routing and Mix Controls Questa area è un duplicato in miniatura dei parametri visualizzati durante la visualizzazione di una traccia nella vista Mix. Invio input e output, Volume traccia, Pan, stato, effetti Inserts e Send sono tutti disponibili.

Fai clic su Instrument Track di tua scelta per accedere ai seguenti parametri in Impostazioni traccia:

  • Timebase Consente di impostare il formato timbase per la traccia corrente, in battute o secondi. Impostato su Beats, gli eventi sulla traccia cambiano la loro posizione in tempo e velocità per seguire i cambiamenti di tempo nella song. Impostato su Secondi, gli eventi rimangono al loro posto e mantengono la loro velocità di riproduzione finché non li si cambia intenzionalmente. Ciò può essere utile, ad esempio, nell’audio del film, in cui certi suoni devono rimanere in certe posizioni assolute nel tempo, per mantenere la sincronizzazione con le immagini.
  • Group Consente di assegnare la traccia corrente a un gruppo di tracce esistente.
  • LayersConsente di aggiungere, duplicare, rinominare o rimuovere un livello dalla traccia, nonché di impostare quale livello è attualmente selezionato per la riproduzione.
  • Delay Consente di applicare un ritardo temporale positivo o negativo alla traccia corrente per consentire l’allineamento nel tempo. Intervallo da -100 a 100 ms.
  • Transpose Consente di modificare il tono di tutte le note sulla traccia corrente, in un intervallo compreso tra -64 e +64 semitoni.
  • Velocity Consente di aumentare o attenuare la nota Velocity in ingresso, prima che arrivi allo strumento corrente o al dispositivo MIDI esterno. Le impostazioni tra -100% e -1% attenuano la velocità. Impostazioni tra 1% e 100% di velocità di aumento. A 0%, la velocità è invariata.
  • Layers Follow Events Abilita questo parametro per fare in modo che i dati dello strumento su layers sottostanti seguano l’Evento relativo sopra quando lo sposti lungo la timeline. Quando questo parametro è disabilitato, lo spostamento di un Evento con uno o più Livelli al di sotto di esso stacca quell’Evento dai livelli sottostanti, rendendolo una parte permanente del Livello primario.
  • Automation Consente di scegliere la modalità di automazione per ciascuno dei parametri automatizzati associati alla traccia, oltre a visualizzare e abilitare o disabilitare rapidamente l’automazione per un determinato parametro. 
  • Program Consente di selezionare un numero di programma MIDI (e in alcuni casi un numero di banco) da associare alla traccia strumenti corrente. Questo valore di cambio programma viene trasmesso allo strumento, assicurando che il preset corretto venga caricato quando si apre una song.
  • Note FX Consente di scegliere e applicare l’elaborazione FX della nota in tempo reale ai dati della nota della traccia corrente.
  • Routing and Mix Controls Questa area è un duplicato in miniatura dei parametri visualizzati durante la visualizzazione di una traccia nella vista Mix. Tutte le tracce Instrument visualizzano le opzioni di routing di input e output e le opzioni di stato Mute / Solo / Record / Monitor. Se la Traccia ospita uno strumento virtuale, vengono visualizzati Volume traccia, Pan, effetti Inserti e Mandate. 

Fai clic sull’evento audio a tua scelta per accedere ai seguenti parametri nell’Event Inspector:

  • Event FX Permette di assegnare effetti a singoli eventi audio, piuttosto che a una traccia nel suo complesso.
  • Start and End  Consente di specificare l’ora di inizio e di fine per l’evento corrente.
  • File Tempo Se conosci il tempo del file audio associato all’evento corrente, puoi specificarlo qui. Ciò fornisce a Studio One un riferimento di tempo per lavorare da quando timestretching un evento per abbinare il tempo del brano.
  • Speedup Consente di accelerare o rallentare il tempo dell’evento corrente, indipendentemente dalle altre impostazioni del tempo.
  • Transpose Consente di spostare l’intonazione dell’evento corrente su o giù, in un intervallo compreso tra -24 e +24 semitoni.
  • Tune Consente di regolare il tono dell’evento corrente su o giù, in un intervallo compreso tra -100 e +100 centesimi.
  • Normalize Consente di aumentare il volume dell’evento corrente, in modo che il picco più alto nell’audio raggiunga 0 dBFS. 
  • Gain Consente di regolare il livello generale dell’evento corrente, in un intervallo da -40 a +24 dB.
  • Fade-In Consente di specificare la lunghezza della dissolvenza all’inizio dell’evento corrente. Con un’impostazione di 0 ms, non viene applicata alcuna dissolvenza.
  • Fade-Out Consente di specificare la lunghezza della dissolvenza alla fine dell’evento corrente. Con un’impostazione di 0 ms, non viene applicata alcuna dissolvenza.

Fai clic sulla parte dello strumento a tua scelta per accedere ai seguenti parametri nell’Event Inspector: 

  • Start and End Consente di specificare l’ora di inizio e di fine per l’evento corrente.
  • Traspose Consente di spostare il pitch delle note dell’evento corrente su o giù, in un intervallo da -24 a +24 semitoni. 
  • Velocity Consente di scalare l’effetto della nota Velocity, prima che arrivi allo strumento corrente o MIDI esterno dispositivo. A 0%, tutte le note suonano alla massima velocity. Al 100%, viene inviata l’intera gamma di velocità delle note. 
error: Mi spiace. Se vuoi una copia pdf della dispensa devi acquistare le Lezioni complete sull\'argomento